Cooperative agricole, più reddito grazie al software

Il progetto Cerere coordina le strutture di stoccaggio, ottimizzando raccolta e fatturato

Cerere

Il professor Giuseppe Visaggio, coordinatore del progetto "Cerere" – Credits: Alberto Bevilacqua

Antonella Bersani

-

Banale? Provateci voi a convincere piccole cooperative agricole a cooperare tra loro, mettendo a fattor comune persino i soci. Riuscirci sarebbe quasi una “rivoluzione culturale” e un grande passo verso una vasta aggregazione capace di valorizzare al meglio l’agroalimentare pugliese.

Questa, è l’idea sottostante al progetto Cerere, portato avanti dalla società spin off dell’Università di Bari Ser & Practices da un’idea di Giuseppe Visaggio, 70enne fisico e docente di ingegneria del software. Si parte da quello che è il classico “uovo di Colombo”: utilizzare un software per mettere in rete tutte le strutture, silos, cantine, strutture e depositi delle cooperative agricole per distribuirvi al meglio i conferimenti e quindi controllarne da remoto le condizioni dello stoccaggio (livello dei gas, temperatura e umidità). “I vantaggi sono molti” spiega Visaggio “Se lo spazio è occupato, i raccolti pronti per la consegna non vengono ritirati: mettere in rete le strutture dunque, può impedire lo spreco e garantire una remunerazione”. Non solo. “In questo modo potremmo concentrare ad esempio grani e oli pregiati in silos dedicati ed evitare di miscelare produzioni di qualità con quelle di minor valore, valorizzando il raccolto”. Gli acquirenti, infatti, saprebbero di avere a disposizione materia prima pregiata e quindi potrebbero destinarla a produzioni a più alto valore aggiunto. 

Il progetto è già stato testato con successo e adesso è pronto per il lancio.  “Abbiamo calcolato che le cooperative aumenterebbero di un 20-30 per cento il loro fatturato e senza perdere un posto di lavoro, ma adesso servono investimenti per passare dalla fase prototipale a quella industriale” conclude Visaggio. In gioco ci sono la creazione di un “ecosistema virtuoso” e un’agricoltura 4.0.

© Riproduzione Riservata

Commenti