Maidan 2, la vendetta del Cremlino
Getty
Maidan 2, la vendetta del Cremlino
News

Maidan 2, la vendetta del Cremlino

Come nella celebre piazza di Kiev, una dozzina di città nell’Ucraina dell’Est sono occupate da attivisti armati filo Mosca. E si rischia la guerra civile

La rivolta armata filo-russa nell’Ucraina sudorientale è ben peggio di una seconda Crimea. E non solo per l’attacco ucraino sull’aeroporto militare di Kramatorsk, vicino a Donetsk. Stavolta il rischio è la guerra civile. Se ci fosse un bagno di sangue, l’intervento di Mosca sarebbe inevitabile: oltreconfine sono già schierati 35-40 mila soldati russi. In una dozzina di città, come Donetsk, Mariupol e Lugansk, miliziani armati hanno occupato dal 12 aprile centrali di polizia, sedi dei servizi segreti, governatorati e municipi. Fra attivisti e miliziani, sarebbero 12 mila.

Tante piccole Maidan con barricate, mimetiche, scudi e appoggio popolare fotocopia della rivolta di Kiev. Stavolta i miliziani inneggiano all’autoproclamata repubblica filorussa di Donetsk. Tanto che il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha denunciato "l’ipocrisia occidentale: le violenze sfociate in decine di morti in piazza Maidan a Kiev sono state chiamate democrazia. Le proteste nel sud-est ucraino sono considerate terrorismo". I manipoli armati sono composti da ex Berkut, i corpi speciali della polizia sciolti dal nuovo governo, militari filorussi e ufficiali giunti dalla Crimea. E non mancano agenti infiltrati del Gru, i servizi militari di Mosca. Non a caso, l’escalation è iniziata alla vigilia del summit di Ginevra del 17 aprile. Lo scopo è farlo saltare (o alzare la posta per una soluzione diplomatica). I filo-Mosca vogliono un referendum: se non lo otterranno sono pronti alla secessione. L’1 e il 9 maggio (festa della vittoria sul nazismo) sono ad alto rischio: lo scenario è una secessione a macchia di leopardo, in vista delle presidenziali del 25 maggio.

Leggi Panorama Online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti