Scienza

Sostenibilità: ecco come Arbi aiuterà i nostri mari

Il produttore di surgelati ha lanciato il progetto Blue Resolution per analizzare e rimuovere le plastiche dai fondali marini

Arbi-Blue resolution

Barbara Massaro

-

L'anima dell'intero progetto si chiama SILVER ed è un robottino di ultima tecnologia che, dopo aver raccolto campioni di fondale marino è in grado di analizzare, classificare e rimuovere le plastiche presenti nei nostri mari. In questo modo e grazie al progetto Blue Resolution l'azienda di prodotti congelati Arbi è intenzionata a migliorare la salute del mare e a ridurre (per progressivamente eliminare) la presenza di plastica dagli imballaggi alimentari.

Cos'è il progetto Blue Resolution

Il progetto Blue Resolution è nato in collaborazione con gli Istituti di BioRobotica e di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa proprio al fine di individuare e proporre soluzioni innovative per la difesa dell’ambiente marino dalle plastiche, con una risposta reale e concreta alla loro eliminazione.

Fulcro di Blue Resolution è SILVER, sviluppato dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Dotato di sensori per il riconoscimento dell’ambiente circostante e la rilevazione del proprio orientamento, SILVER avrà un braccio robotico in grado di interagire con l’ambiente e i materiali in esso presenti (campionamento e raccolta). Il robot sarà controllato da un operatore in superficie, una boa garantirà la connessione GPS per il posizionamento, la comunicazione e il feedback visivo real-time.

Le funzioni di SILVER 

Non solo: nell’assetto finale, SILVER 2 sarà dotato di una stazione di raccolta subacquea e di un sistema di filtraggio per l’analisi dei fondali e la raccolta delle plastiche. Il sistema completo, che si chiamerà SILVER+, sarà in grado di analizzare e monitorare la presenza di plastiche nei fondali marini, e sarà il primo sistema di monitoraggio robotico della micro plastica nel bacino del Mediterraneo. A
ll’attività di monitoraggio, farà seguito la campagna di raccolta e pulizia e quindi d'informazione e sensibilizzazione dell'opinione pubblica.

Si tratta di un progetto triennale voluto fortemente da Arbi che ha fatto della sostenibilità ambientale il suo fiore all'occhiello. 

Seguendo le indicazioni della strategia europea per la plastica e l’economia circolare, l'azienda ha già intrapreso un percorso di riduzione del consumo e della produzione di plastica per le confezioni che ha già dato i primi risultati nel corso del 2018, e che porterà il marchio a una drastica riduzione dei materiali plastici prodotti nel giro dei prossimi 3 anni, in largo anticipo rispetto ai termini stabiliti dalla commissione europea, che vede come obiettivo temporale per la riciclabilità di tutti gli imballaggi di plastica l’anno 2030.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giornata Mondiale dell'Ambiente: guerra alla plastica

Nei nostri mari finiscono 8 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica. La Ue si prepara a mettere al bando quella monouso

Giornata della Terra: salviamo il mondo dalla plastica

Negli oceani ce ne sono 150 milioni di tonnellate che mettono in pericolo interi ecosistemi. L'azione per combattere l'inquinamento deve essere globale

È in Olanda il primo supermercato senza plastica

Una filiale della catena Ekoplaza ad Amsterdam ha inaugurato una corsia interamente dedicata a prodotti alimentari in confezioni di materiali alternativi

Ecco come il mondo sta dichiarando guerra alla plastica

Europa capofila: entro il 2030 tutti gli imballaggi dovranno essere riutilizzati o riciclati. Previsti limiti alle microplastiche

Tassa sulla plastica: a cosa sta pensando la Ue

L’imposta preannunciata dalla Commissione dovrebbe contribuire a disincentivarne l’uso e aggiusterà anche i conti di Bruxelles

Commenti