Politica

Unioni Civili, ok dell'Europa, ma ora occorre consentire anche le adozioni

Per il Commissario dei diritti umani Muiznieks bisogna "eliminare questa discriminazione e allineare le leggi italiane con la giurisprudenza della Corte"

genitori-gau

Redazione

-

Per il Consiglio d'Europa l'approvazione delle legge sulle unioni civili da parte del Senato è un passo in avanti nella giusta direzione perché risponde alla maggior parte delle richieste formulate all'Italia con le sentenze emesse della Corte dei diritti umani di Strasburgo. Tuttavia, secondo il commissario dei diritti umani dell'organizzazione paneuropea, Nils Muiznieks, occorrerà ora consentire anche le adozioni in modo "da eliminare questa restante discriminazione e allineare pienamente le leggi italiane con la giurisprudenza della Corte".

- LEGGI ANCHE: Unioni civili, le cose da sapere

- LEGGI ANCHE: Cos'è la stepchild adoption

"Il testo approvato dal Senato ieri è in linea con quanto domandato dalla Corte europea dei diritti umani nella sentenza Oliari e altri verso Italia del 21 luglio 2015". Lo dice in una nota il segretario generale del Consiglio d'Europa, Thorbjorn Jagland, a proposito della legge votata al Senato. "È il primo passo, in attesa del voto della Camera, perché l'Italia diventi il 27esimo Stato membro del Consiglio d'Europa a riconoscere le unioni civili per le coppie dello stesso sesso" rileva Jagland. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti