Tunisi, Mattarella: "L'Italia non si fa intimorire"

Il Presidente della Repubblica determinato contro l'attacco Isis in Tunisia dove sono morti 4 italiani. Lo sdegno di tutta la politica

mattarella-presidente-piazza-venezia

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a piazza Venezia, Roma, 3 febbraio 2015. – Credits: ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Redazione

-

L'Italia "non si farà intimorire da atti tanto barbari e continuerà a lavorare con determinazione, insieme alla comunità internazionale contro ogni forma di violenza". Le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, "profondamente colpito" dall'attacco al museo del Bardo di Tunisi che ha ucciso più di 20 turisti, arrivano al termine di una giornata convulsa. L'attacco in mattinata, la notizia della presenza di italiani tra gli ostaggi, poi tra i feriti e, tra le vittime. Solo in serata la conferma: sotto il fuoco dei terroristi sono morti 4 italiani, e almeno sei sono rimasti feriti.


 

Le prime parole del premier Matteo Renzi in mattinata sono di "ferma condanna" per un attentato "in un luogo simbolico, un luogo di cultura". Renzi si dice vicino alla Tunisia, "laddove si cerca di uccidere la moderazione si colpisce ciascuno di noi", assicura. 

LEGGI ANCHE: COSA È SUCCESSO A TUNISI

Sullo sfondo, il cordoglio della politica, ma anche le polemiche. Da Gentiloni al sottosegretario Graziano Delrio a tutta la maggioranza arrivano parole di condanna per il "feroce attacco terroristico" e la solidarietà alle famiglie delle vittime. Mentre la Lega attacca. "Assalto dei terroristi islamici in Tunisia, con morti e feriti - scrive il leader della Lega Nord Matteo Salvini su Facebook - A Brescia è stato fermato, per terrorismo, un pakistano.

LEGGI QUI CHI È L'UOMO ARRESTATO A BRESCIA

Ma Renzi e Alfano continuano a far arrivare migliaia di clandestini. Governo, sveglia!!! Bloccare subito partenze e arrivi". Dura anche la reazione di Forza Italia con Daniela Santanche' che chiede a Renzi e Alfano di "darsi una svegliata" e Maurizio Gasparri vuole "risposte concrete e immediate dall'Ue"

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tunisia: anche gli islamisti nel nuovo governo

Il premier tunisino cerca nuove alleanze per formare un governo di consenso nazionale. Trovato l’accordo con gli islamisti di Ennahda

Il contagio islamista in Tunisia occidentale

L'attentato contro i turisti nel museo del Bardo e la penetrazione dei gruppi jihadisti provenienti dalla Libia nella provincia di Kasserine

Tunisia, la minaccia jihadista sulla svolta laica di dicembre 2014

Il paese che ha inaugurato la stagione delle rivolte arabe, ha vissuto alla fine dello scorso anno la vittoria di Essebs e la nuova costituzione

Commenti