Politica

Consulta: Renzi potrebbe scaricare Violante

Sotto duplice attacco di franchi tiratori PD e malpancisti di FI, la candidatura dell'ex presidente della Camera ora è a rischio

Luciano Violante

Paola Sacchi

-


Non ce la fanno ancora. Per Luciano Violante è il quarto no. Per Donato Bruno il secondo. Il primo, candidato pd alla Consulta si ferma a 526 voti, tre meno di ieri sera, il secondo a 544, quattordici in più di ieri quando è stato candidato ufficialmente da FI. Il quorum è previsto a 570. Si replica oggi, nel pomeriggio con lo stesso ticket. Molti gli assenti e franchi tiratori sempre all’opera. Profetico alle 21 un parlamentare pd, sotto anonimato: « Secondo me non ce la fanno, l’area “Riformista” (bersaniani e dalemiani, oltre ai lettiani superstiti ndr) del partito ribolle dopo la nuova segreteria fatta da Matteo Renzi e questo va a finire che si scaricherà sul ticket Violante-Bruno».

Ma perché Renzi ha annunciato la nuova segreteria, dove gli oppositori seppur morbidi sono solo tre proprio mentre si stava votando per la Consulta e il Csm? Risposta: «Un cosa sembra certa, se Violante cade state tranquilli: il premier non si straccerà certo le vesti, quella candidatura l’ha subìta». Cresce il sospetto dei franchi tiratori in casa pd. E cresce anche il sospetto che si tratti di una prova tecnica per l’elezione del Capo dello Stato. Se Violante venisse eletto è chiaro che si rafforzerebbe la possibilità per lui di essere candidato al Colle, quando sarà.

«A quel punto la Consulta diventerebbe un serio parterre dal quale attingere per la nomina al successore di Giorgio Napolitano. Si potrebbe sfogliare la margherita tra Violante, lo stesso Giuliano Amato, già insediato alla Corte costituzionale su nomina diretta del capo dello Stato o perché no Sergio Mattarella…», osserva un attento osservatore delle cose del Colle. Ma per ora i numeri dicono che non sarà così semplice. Anche in FI c’è chi non vuole l’ex presidente della Camera per il suo «passato giustizialista». Oggi si replica. Ma il dubbio se la candidatura di Violante soprattutto sopravviverà incomincia a farsi forte. Spunterà alla fine Augusto Barbera (costituzionalista di area pd e con un passato politico meno marcato di Violante) che alcuni forzisti nel segreto dell’urna hanno già votato e che, secondo boatos di Transatlantico, a Renzi non dispiacerebbe affatto?


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Violante: Berlusconi è eleggibile, ma se condannato voteremo per l'interdizione

L'ex presidente della Camera: "Non possiamo chiedere una sentenza politica. Una reazione anomala del Pdl sarebbe un'estorsione"

Luciano Violante, l'appestato

L'ex magistrato ha detto la cosa più ovvia del mondo. Cioé che va riconosciuto il diritto alla difesa anche al peggior avversario. Ma, nel nostro Paese e nella sinistra italiana, le ovvietà portano con sé spesso il marchio dell'infamia

Violante: "Ci vuole rispetto" (anche per Berlusconi)

Dopo le polemiche per la sua "apertura" sulla decadenza di Berlusconi l'esponente del Pd torna a parlare: "Mi hanno ferito, ma lo rifarei"

Corte Costituzionale, pesa la ribellione di Renzi a Napolitano su Violante

Sul patratrac che ha visto bruciati, per ora, i candidati di Fi (Catricalà) e del Pd (Violante) alla Corte, prove tecniche per l'elezione del capo dello Stato

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965