Politica

Sondaggi Politici Elettorali: le intenzioni di voto

I sondaggi su M5S, PD, Lega: ecco cosa e chi voterebbero gli italiani se si andasse oggi alle elezioni

Elezioni politiche 2018

Barbara Massaro

-

I sondaggi elettoriali parlano chiaro. E' una crescita costante e notevole quella dei consensi della Lega nelle intenzioni di voto degli italiani. Aumenta però il divario con il Movimento 5 Stelle arrivato ormai quasi a 6 punti percentuali. Stabile invece il Pd mentre Forza Italia prova a riprendersi

L'ultimo rilevamento è di SWG per il Tg de La7 di lunedì 10 dicembre

Lega - 32% (= al 3 Dicembre)

M5S - 26,2% (-1,1%)

Pd - 17,5% (-0,1%)

FI - 8,7% (+0,5%)

FdI - 3,7% (+0,4%)



Questi i dati del sondaggio di Tecné del 4 dicembre

Lega - 32% (+0,1% rispetto a Novembre)

M5S - 25,5% (-0,4%)

Pd - 17,7% (-1,4%)

FI - 11,0% (-0,2%)

FdI - 4,3% (+0,4%)


Queste quelle di Pagnoncelli, Ipsos, per il Corriere della Sera del 24 Novembre. Queste le intenzioni di voto degli intervistati:

Lega - 36,2% (+1,5% a Novembre)

M5S - 27,7% (-1%)

Pd - 16,8% (+0,3%)

FI - 7,9% (-0,8%)

FdI - 2,6% (-0,1%)

La Lega

Se si dovesse, infatti, tornare alle urne già domani, secondo l'Istituto di ricerca SWG che realizza i sondaggi politici settimanali per conto di La7, il 31,7% degli elettori metterebbe la croce sul logo della Lega apprezzando, in particolare, il pugno duro di Salvini e i suoi sui temi legati a immigrazione e sicurezza. Solo un mese fa, il 29 ottobre, lo stesso sondaggio sulle intenzioni di voto vedeva la Lega ferma al 30,6% dei consensi. 

Che la Lega sia il primo partito in assoluto lo conferma anche un secondo istituto di ricerca, Euromedia Research, che ha raccolto le intenzioni di voto per conto di Rai-Porta a Porta.

Si tratta di dati solo leggermente differenti da quelli della precedente analisi e che vedono, al contrario del primo realizzatore, la Lega in lieve calo.

Se, infatti, il 33% degli italiani avrebbe messo la firma perché Salvini continuasse sulla sua linea, oggi (i dati più recenti sono del 13/11) lo farebbe solo il 31,3% degli aventi diritto con un passaggio intermedio del 31,7% a inizio novembre.

Lega stabile intorno al 30,5% dei consensi, infine, secondo i dati raccolti dall'istituto Tecné per Rti. Lo zoccolo duro degli elettori leghista da inizio ottobre a oggi, da quanto raccolto da Tecné, passa dal 30,6% del 20 ottobre al 30,4 del 13 novembre.

Il Movimento 5 Stelle

E se la Lega va sempre più su, il Movimento 5 Stelle è in caduta libera.

In tre settimane - così dice SWG - si è passati dal 29% delle preferenze (dati del 29/10) al 28,2 (5/11) per arrivare al 27,4% di oggi.

Euromedia Research conferma il 29% di ottobre per il M5S che scivola velocemente prima al 27,6 e poi al 26,7% dei consensi con una perdita secca di 2,3 punti percentuali in un solo mese.

La caduta libera è stata notata anche dall'Istituto Tecné secondo cui il 21 ottobre Di Maio e i suoi avrebbero conquistato il 27,4% dei consensi per poi scendere al 27,1 e arrivare all'attuale 26,6%.

I grillini pagherebbero dazio al superomismo leghista e alla testa bassa su temi chiave del movimento come grandi opere (vedi Tap), condoni e pace fiscale.

Il Partito Democratico

A crescere in maniera timida è il Partito Democratico nonostante il nulla di fatto dell'Assemblea Nazionale del fine settimana del 17 e 18 novembre. Si tratta, comunque, di percentuali lontanissime da quelle della maggioranza giallo-verde. Secondo SWG oggi voterebbe PD il 18,1% degli italiani mentre lo scorso mese le intenzioni di voto si attestavano al 17% con una crescita di un punto percentuale.

Meno ottimista è l'Istituto Tecné secondo cui - dati alla mano - solo il 17,8% degli italiani si fiderebbe di un partito ancora senza guida, senza idee e senza programmi (a inizio mese Tecné aveva rilevato intenzioni di voto che fermavano il Pd al 17,3% dei consensi). Euromedia Research per Rai, infine, ha testano un campione di elettori più scettici.

Il 2 ottobre il 16,2% degli italiani avrebbe messo la croce sul Partito Democratico, oggi al centro sinistra, invece, andrebbe il 17,1% dei voti.

Forza Italia

Alle spalle del Pd Forza Italia, secondo SWG per La7, scende al 7,4% delle preferenze dopo aver guadagnato terreno il 5 novembre quando era all'8,3% dei consensi in risalita rispetto al 7,9% del 29 ottobre.

Diversi i dati raccolti da Euromedia Reseach secondo cui il trend sarebbe opposto e in crescita. Se, infatti, il 2 ottobre il 9,2% degli italiani avrebbe votato a favore di Forza Italia oggi lo stesso partito raccoglierebbe il 10,8% dei voti con la crescita di oltre 1 punto percentuale.

Ancora più ottimista l'istituto Tecné secondo cui Forza Italia sarebbe stabile a oltre l'11% dei consensi con una punta dell'11,2% dalle rilevazioni del 12 novembre.

Fratelli d'Italia

Chiudono i Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni. Secondo SWG dal 29 ottobre a oggi il partito di centrodestra avrebbe guadagnato 0,2 punti percentuali passando da 3,5 a 3,7 nelle intenzioni di voto degli italiani.

Gli elettori intervistati da Euromedia Research vedono in leggera crescita Meloni e i suoi che sarebbero passati dal 3,6 di inizio ottobre al 4,2% di metà novembre. Tecné conferma i dati di Euromedia dando Fratelli d'Italia al 4,2% con un +0,3% rispetto alle informazioni raccolte il 21 ottobre.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Condono, tutte le sanatorie su cui c’è l’accordo Lega-M5S

Dal “saldo e stralcio” alla rottamazione ter, passando per la dichiarazione integrativa: ecco cosa conterrà il decreto sulla cosiddetta pace fiscale

Oggi Lega, Forza Italia e Fdi sarebbero maggioranza. E Di Maio lo sa

Gli incontri tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi potrebbero essere il preludio del ritorno al potere della coalizione di centrodestra

Tav Lione-Torino, il valzer delle posizioni del governo 5 Stelle-Lega

I grillini vorrebbero bloccare l'opera. O forse no. Ma Salvini assicura: "Sull'alta velocità occorre andare avanti, non tornare indietro"

Commenti