Politica

Cosa ci fanno le sardine in un asilo?

A Genova i bambini di un nido hanno disegnato e colorato le sardine usate nella manifestazione del 28 novembre dai manifestanti

Sardine-Genova

I fatti. Il 28 novembre a Genova c'è stata la manifestazione delle "sardine"; in piazza cartelli, fogli, cartoncini con il pesce azzurro in mille colori. Si scopre però che alcuni di questi disegni usati in piazza siano stati realizzati dai bambini di un asilo nido comunale del centro storico. L'asilo in questione, il Vico rosa situato nel centro storico di Genova, è stato dato in gestione dal Comune alla cooperativasociale Mignanego. I responsabili, scoppiata la polemica politica, hanno replicato serenamente che del progetto di far disegnare e colorare le sardine per la manifestazione erano state avvisate le famiglie e solo una si era lamentata (a lavoro concluso) perché secondo loro si sarebbe trattato di "attività politica".

"Ai genitori avevamo spiegato - si sono difesi dall'Asilo Nido - di cosa si trattava dicendo che chi avesse avuto qualcosa in contrario invece delle sardine avrebbe potuto disegnare un totano o una balena...". 

Insomma, sardina o totano per le maestre poco cambiava. E invece no. Ed il discorso non è rivolto solo alle "Sardine" o al caso specifico, ma è un discorso generale.

La Politica deve stare fuori dalla scuola, soprattutto da quella dei bambini. E deve starci fuori sempre. Quella di destra, quella di sinistra, quella di partito o quella apartitica, ma pienamente politica, come le sardine

Quei bambini dovevano solo disegnare e colorare. Facciamoli disegnare e colorare Babbo Natale o un Presepe. E invece li si è usati per una cosa politica. E questo è sbagliato. Sempre.

© Riproduzione Riservata

Commenti