Riforma della scuola: possibile la fiducia al Senato

Oggi la discussione e la presentazione del maxiemendamento di maggioranza. Domani la votazione. È già polemica

scuola-proteste

Un momento dell'assemblea delle sigle sindacali della scuola al Pantheon, contro il ddl del governo Renzi, 15 maggio 2015 a Roma – Credits: ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Redazione

-

"Il Governo ha autorizzato il ministro per i rapporti col Parlamento a porre la fiducia. Poi vedremo se sarà necessario. Se la riforma va in porto, ci saranno più soldi per gli insegnanti, altrimenti le assunzioni saranno le 20-25mila previste dal turnover. Credo che l'alternativa debba essere chiara per chi in Parlamento dovrà scegliere come comportarsi". Si annuncia con queste parole del premier Matteo Renzi, arrivate al termine di un Consiglio dei ministri finito intorno alle dieci di sera, l'ennesimo braccio di ferro tra Governo e opposizione.

LEGGI ANCHE: LA RIFORMA DELLA SCUOLA IN 10 PUNTI

Il provvedimento, ha stabilito la commissione Istruzione al Senato, arriverà in aula già oggi, e ci arriverà senza mandato ai relatori, quindi nella formulazione uscita dalla Camera. Che sarà poi modificata con il maxiemendamento di maggioranza. In una conferenza dei capigruppo inaspettatamente lunga (quasi due ore), è stata presa infine la decisione di far arrivare il provvedimento direttamente in aula, oggi pomeriggio. Alle 19 scadrà il termine per presentare gli emendamenti. Una serata di discussione generale e poi, già giovedì, il voto.

"Nel momento in cui verrà chiesta la fiducia, perché verrà chiesta, se la voteranno loro e i loro amici", ha commentato il senatore leghista Centinaio al termine della conferenza dei capigruppo. "Usciremo dall'aula", ha chiarito, "come abbiamo sempre fatto". "Probabilmente giovedì stesso voteremo la fiducia", ha confermato Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto-Sel, spiegando che "questo provvedimento è un collegato, quindi in teoria doveva avere un procedimento molto specifico e avrà bisogno anche del numero legale". "Per il Pd andare in aula senza il proprio relatore è un danno, purtroppo reso necessario dalla conferma avvenuta stamattina che gli emendamenti non sarebbero stati ritirati", ha spiegato Luigi Zanda, capogruppo del Pd in Senato. "Su questioni così delicate come l'assunzione dei precari", ha commentato, "il tempo non è una variabile indipendente".

LEGGI ANCHE: COME VENGONO ASSUNTI I PRECARI DELLA SCUOLA

Della stessa opinione Andrea Marcucci, senatore del Pd e presidente della commissione Istruzione: "Andare in aula senza relatori", ha detto, "è stata una scelta obbligata". E ha sottolineato: "I relatori hanno presentato un testo che ha recepito molte proposte dell'opposizione, eppure anche oggi abbiamo registrato un atteggiamento di totale chiusura". Ma l'opposizione non ci sta. "Era stato già deciso tutto", ha detto Centinaio, seguito a ruota dalla senatrice Sel Loredana De Petris, per la quale "questa mattina abbiamo assistito in commissione all'ennesima pantomima".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Riforma della scuola: le conseguenze dello slittamento a settembre

Il premier minaccia lo stop per bloccare le proteste e far ritirare gli oltre 3 mila emendamenti al Senato. Un attacco alla minoranza Pd e ai sindacati

Commenti