Politica

Riforma della Pubblica Amministrazione: cosa prevede

Dai dirigenti ai licenziamenti degli statali, dai concorsi all'alleggerimento della Forestale. Con il sì del Senato si apre la cruciale fase attuativa

Redazione

-

Il Senato ha approvato in via definitiva il ddl di riforma della Pubblica Amministrazione. Sono stati 145 i voti a favore, i contrari sono invece 97 e nessun astenuto.

A favore della delega hanno votato Ap e Pd. Si sono detti contrari al ddl M5s, Fi, Ln, Cri, Sel, Gal ed Ala.

La riforma della P.A. diventa così legge.

Dopo la firma del Capo dello Stato, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si apre la cruciale fase di attuazione.

Infatti, essendo una legge delega, la messa a punto dei decreti legislativi rappresenta un capitolo cardine.

Ci sono oltre 15 deleghe a cui seguiranno altrettanti, e forse più, provvedimenti.

Ecco cosa riguardano:

STRETTA SU DIRIGENZA. I manager potranno essere mandati via dalla Pa dopo essere stati valutati negativamente. Per non essere licenziato il dirigente pubblico potrà chiedere di essere demansionato a funzionario.

LICENZIAMENTI FACILI. Quando scatta un'azione disciplinare contro un dipendente della Pa non potranno più passare 100 giorni, e soprattutto non si potrà più concludere tutto con un nulla di fatto, altrimenti a rimetterci sarà il dirigente responsabile. Il procedimento dovrà essere portato avanti senza escludere il licenziamento. Il governo dunque dovrà legiferare sulla materia introducendo norme in tema di responsabilità dei dipendenti 'finalizzate ad accelerare, rendere concreto e certo nei tempi di espletamento e di conclusione l'esercizio dell'azione disciplinare'.

TUTTI I DIRIGENTI IN UN UNICO BACINO. E' previsto un solo ruolo senza più distinzione tra prima e seconda fascia. Si va verso una quota unica (intorno al 10%) per l'accesso di esterni. La figura del segretario comunale è superata.

CONCORSI, SUPERATO VOTO MINIMO LAUREA. Non ci sarà più una soglia sotto la quale si è fuori dalle selezioni pubbliche. L'obiettivo è dare più importanza alla valutazione in sede di concorso. Nelle prove non mancherà mai un test sull'inglese e si va verso un polo unico per la gestione dei concorsi, una sorta di agenzia ad hoc con il compito di gestire le prove.

A INPS CONTROLLO CERTIFICATI MALATTIA STATALI. Le visite fiscali dei dipendenti statali saranno affidate all'Inps (e non più alle Asl). Dunque, all'Istituto dovranno essere attribuite le 'competenze' e le 'risorse' attualmente impiegate dalle Pa per l'effettuazione degli accertamenti medico-legali.

MAGLIE PIÙ LARGHE PER I PENSIONATI IN PA. Si allentano i vincoli per il conferimento di incarichi pubblici a pensionati. Salta infatti il tetto di un anno come durata massima, purché non si tratti di posizioni direttive o dirigenziali, per cui resta il limite di 12 mesi. Per tutti la condizione è però che gli incarichi devono essere gratuiti.

SCOMPARE LA FORESTALE, RIORDINO DELLE FORZE. Il ddl pone le basi per l'accorpamento della Forestale in un'altra forza (probabilmente i carabinieri). Si tratterebbe di un trasferimento in blocco, anche se si concedono spazi a quanti preferiscono non essere  'militarizzati'.

SCURE SULLE PARTECIPATE. La delega parla esplicitamente di una loro riduzione e, per quelle che gestiscono servizi pubblici di interesse generale, di un numero massimo di esercizi in rosso dopo cui scatta la liquidazione. La parte variabile del compenso degli amministratori dipenderà dai risultati economici.

SFORBICIATA SU PREFETTURE. Si va verso un taglio netto, quel che ne rimarrà andrà a finire nell'Ufficio territoriale dello Stato, punto di contatto unico tra Pa periferica e cittadini. Si taglieranno anche gli uffici doppioni tra ministeri e Authority.

PRATICHE DIMEZZATE PER OPERE DI INTERESSE GENERALE - Un 'taglia burocrazia', al fine di semplificare e accelerare, fino al dimezzamento dei tempi, le operazioni in caso di rilevanti insediamenti produttivi, opere di interesse generale o di interventi con effetti positivi sull'occupazione.

SILENZIO ASSENSO TRA AMMINISTRAZIONI - In caso di contese tra amministrazioni centrali su nulla osta e altri concerti sarà il premier a decidere, dopo un passaggio in Cdm. E' fissato anche un tetto per ottenere il sì: massimo 30 giorni, che diventano 90 in materia di ambiente, cultura e sanità. Sulla stessa linea le misure per sbloccare la conferenza dei servizi.

GHIGLIOTTINA SUI DECRETI - Una forbice che mira a risolvere il nodo dei rinvii a provvedimenti attuativi. Tutto passa per una delega al Governo, chiamato a fare una cernita andando a guardare alle disposizioni degli ultimi tre anni.

POTERI A PALAZZO CHIGI - Verranno precisate le funzioni di palazzo Chigi per il mantenimento dell'unità di indirizzo. La delega riguarda pure la definizione delle competenze in materia di vigilanza sulle agenzie fiscali.

UNO STATUTO E UN NUOVO CAPO PER P.A. DIGITALE -  Arriva la 'carta della cittadinanza digitale', con il Governo delegato a definire il livello minimo di qualità dei servizi online. A guidare la svolta digitale ci penserà un dirigente ad hoc.

BOLLETTE ELETTRONICHE DA PAGARE CON SMS - Bollette e multe potranno avvenire anche ricorrendo al credito telefonico purché si tratti di micro-somme (presumibilmente sotto 50euro). Il versamento potrà quindi essere eseguito con un semplice sms.

FREEDOM OF INFORMATION ACT ITALIANO - Tutti avranno il diritto di accedere, anche via web, a documenti e dati della Pa. Lo scopo è quello di aprire le porte degli archivi pubblici, così da rendere possibile un controllo a 360 gradi anche sull'utilizzo delle risorse pubbliche.

NUMERO UNICO PER LE EMERGENZE. Basterà chiamare il 112 per chiedere aiuto in ogni circostanza. L'idea è quella di realizzare centrali in ambito regionale. Addio a tutti gli altri numeri, come 113, 115 e 118.

LIBRETTO UNICO PER LE AUTO. Si apre al trasferimento del Pubblico registro automobilistico (Pra), retto dall'Aci, al Ministero dei Trasporti, a cui fa capo la Motorizzazione. Si va così verso un'unica banca dati per la circolazione e la proprietà, con un solo libretto.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pubblica amministrazione, come nascono (forse) 15mila nuovi posti

Abolita la possibilità per i dipendenti pubblici di restare al lavoro dopo aver raggiunto l'età pensionabile. Ma c'è chi contesta le norme del governo

Pubblica amministrazione: le ultime novità della riforma

Il governo approva il primo decreto per cambiare la macchina dello stato, con alcune modifiche rispetto al testo iniziale. Ecco cosa devono aspettarsi gli impiegati pubblici tra mobilità e pensionamenti

Renzi sotto accusa sulla pubblica amministrazione

Governo in difficoltà dopo il pasticcio del decreto senza coperture per i pensionamenti degli insegnanti. E forse domani l'incontro tra il premier e Silvio Berlusconi 

Commenti