Politica

Renzi alla Piaggio tra slogan e proteste

All'inaugurazione della Piaggio Aerospace il premier ha parlato di futuro. Mentre fuori Lega, Sel e M5s protestavano contro licenziamenti e chiusure

Renzi,guai a fare del lavoro il terreno dello scontro

l presidente del Consiglio, Matteo Renzi, visita il nuovo stabilimento di Piaggio Aerospace a Villanova d'Albenga (Savona), 07 novembre 2014 – Credits: ANSA

L'occasione è stata l'inaugurazione del nuovo stabilimento di Piaggio Aerospace a Villanova d'Albenga. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi si è presentato accolto dal presidente di Piaggio Alberto Galassi e dall'amministratore delegato Carlo Logli. L'occasione è servita per chiarire alcuni temi politici che stanno tenendo banco in questi giorni.


LEGGI ANCHE: RENZI, BERLUSCONI E GLI ACCORDI CON IL M5S

IL FUTURO

"Qui davanti a voi c'è il futuro e voi mi parlate di legge elettorale..." ha detto a Renzi passando davanti a un aereo drone Hammerhead P1HH e rispondendo ai giornalisti che gli facevano domande sulla legge elettorale. "In Italia il futuro fa paura, viviamo un po' con il freno a mano tirato: cresce la paura e crescono i risparmi, in un modo mai così elevato come in questo momento". E ha continuato: "Si inaugura una grande fabbrica, ma la fabbrica più grande che si inaugura oggi è il nostro desiderio di non accontentarci di fare le comparse, il nostro desiderio di non stare ai margini nella foto di gruppo del mondo... Noi rappresentiamo un Paese che ha scritto pagine meravigliose ma è convinto che la pagina migliore debba ancora arrivare. E se ci saranno dei rischi da correre li correremo".

IL LAVORO

"Guai a pensare che si possa fare del mondo del lavoro il terreno dello scontro". È un appello che "ho fatto" nei giorni scorsi e che "rifarò" affinchè ci sia la "capacità di non mettere gli uni contro gli altri" ha aggiunto Renzi. La Piaggio Aerospace è una "storia da raccontare": era un'azienda che sembra "cotta, finita" ma poi, "anche per la capacità dei lavoratori di insistere", è ripartita e oggi "è un'azienda all'avanguardia".

LE PROTESTE

Circa trenta persone, operai e rappresentati di partiti, hanno manifestato in modo pacifico davanti alla Piaggio Aerospace: gli esternalizzati di Piaggio, che passeranno a Laer, l'azienda che ha rilevato alcune lavorazioni del gruppo e che chiedono garanzie. Tra i manifestanti anche un gruppo di leghisti, con il segretario della Liguria, Sonia Viale, che espongono uno striscione con scritto "Renzi fatti eleggere", oltre a rappresentanti della Lista Tsipras con lo striscione "L'Italia èuna repubblica di licenziati e mazziati". Presenti anche i grillini con lo slogan "Hammerhead P1HH - articolo 11 della costituzione", che fa riferimento all'aereo drone prodotto da Piaggio e all'articolo della Carta che ripudia la guerra.    "Questa è un'operazione di facciata - hanno detto i leghisti - perchè Piaggio chiude due stabilimenti, ne apre uno e in 300 rischiano di stare fuori". Tutti sottolineano che "non c'è alcun motivo per festeggiare", come ieri aveva detto anche la Fiom Cgil: "Non si inaugura un nuovo stabilimento Piaggio, ma la chiusura di quello di Finale Ligure ed il ridimensionamento di quello di Sestri Ponente. Si passa da 1300 dipendenti Piaggio Aero a poco più di 900! Non c'è nulla da festeggiare"

© Riproduzione Riservata

Commenti