Politica

Renzi alla Merkel: "Non siamo studentelli"

In visita a Downing Street, il premier contrattacca alle stoccate della Cancelliera tedesca

++ Cameron con Renzi, Europa deve essere più flessibile ++

Redazione

-

Dopo sei mesi dal primo incontro a Londra, il presidente del Consiglio Matteo Renzi è tornato a Downing Street a colloquio con David Cameron, con il quale ha ribadito l'importanza delle relazioni Italia-Gran Bretagna. 

Nella circostanza, ha voluto anche replicare implicitamente ai rilievi della Cancelliera tedesca, Angela Merkel, che ieri ha parlato della necessità per i Paesi europei con i conti pubblici in difficoltà di "fare i compiti".

"Nessuno ha diritto di trattare gli altri Paesi come si trattano gli studenti", ha dichiarato spiegando anche che, in merito ai conti pubblici e sulla necessità di avere più flessibilità da parte dell'Europa: "Noi rispettiamo il limiti che ci siamo dati del 3%, ma anche le decisioni di un Paese libero e amico come la Francia. Noi la rispettiamo e sto dalla parte di Hollande".

© Riproduzione Riservata

Commenti