Politica

Referendum, Renzi alla minoranza Pd: "Se non si fida, voti No"

La querelle senza fine tra le correnti di partito si sposta sul referendum

renzi

Redazione

-

"Se la minoranza non si fida, voti No". Matteo Renzi lo dice chiaro e tondo: più di così non può concedere sulle modifiche all'Italicum, non può arrivare fino a scrivere "una nuova legge Pd prima del referendum perché Bersani non ha vinto le elezioni e il Pd da solo non ha i numeri in Parlamento". E se la sinistra Dem voterà No al referendum, pazienza: "Gli italiani decidono come votare con la loro testa, non seguendo le correnti Pd".

Quel che preme al leader Pd è piuttosto chiudere la discussione interna perché "gli elettori non ne possono piu'".

In diretta a Politics, in un botta e risposta a tratti molto vivace con l'ex direttore Tg3 Bianca Berlinguer, il vicedirettore del Fatto Stefano Feltri e il direttore del Foglio Claudio Cerasa, Renzi viene incalzato sulle domande sul Pd, all'indomani sulla direzione. E non nasconde la sua insofferenza.

Bersani: "Italicum e legge elettorale, intreccio pericoloso"

Ha fatto un'apertura ampia sulla legge elettorale "contro natura" rispetto alla sua indole, perché ritiene di aver concesso molto alla minoranza e invece, lamenta, "il giorno dopo c'è chi evoca la scissione salvo smentirla un minuto dopo". E cosi', a Pier Luigi Bersani che ha ribadito il No al referendum perché Italicum e legge elettorale creano un intreccio "pericoloso" per la democrazia, il premier replica: "Se hai cambiato idea dopo aver votato Sì in Parlamento alla riforma avrai i tuoi motivi. Io da segretario faccio di tutto per tenere tutti in squadra. Ma questo referendum non abbatte le garanzie democratiche, ma abbatte le resistenze burocratiche".

Il premier ribadisce dunque l'apertura sulla legge elettorale e mette in discussione anche il ballottaggio, purché"l'elettore possa scegliere chi governa". Ma non si spinge oltre per trattenere Bersani e Cuperlo dal No: "Agli italiani interessa più la pastorizia delle correnti Pd", dice. Poi punzecchia: "La mia vera questione non è rimandare in Parlamento quelli che ci sono oggi ma rimettere in moto questo Paese". "Se vince il No tornano quelli di prima... Non se ne vanno ai giardinetti", afferma.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Referendum: il Tar respinge l'esposto M5s e SI

Il Tribunale Amministrativo del Lazio dichiara inammissibile l'esposto contro il quesito "ingannevole" contenuto sulla scheda elettorale

D'Alema contro Renzi: scontro aperto sul referendum costituzionale

Toni sempre più aspri tra i due rappresentanti del PD tra rancori passati e visione diversa del futuro

Referendum costituzionale: il "no" di Bersani

La minoranza Pd non crede alle modifiche dell'Italicum e così fa opposizione. Renzi: "Il loro unico obiettivo è attaccarmi"

Referendum: chi vota Sì e chi vota No

Dopo il sì di Romano Prodi, ecco chi sono e cosa hanno detto professori, politici e industriali che hanno dichiarato le loro intenzioni di voto

Referendum: gli imprenditori a sostegno del Sì

A partire dal presidente di Confindustria Boccia e dall'ad di Pirelli Marco Tronchetti Provera. Prima di loro, anche Moncalvo di Coldiretti sul FT

Referendum: cinque domande al fronte del Sì

Dalla riduzione dei costi della politica fino alla presunta rapidità legislativa: ecco alcuni dubbi giurisdizionali sulla riforma costituzionale

Referendum costituzionale: rigettato il ricorso di Onida

Il Tribunale di Milano respinge l'impugnazione del Presidente onorario della Consulta contro il quesito referendario

Commenti