Il programma politico del PD per le elezioni 2018

Matteo Renzi da Bologna presenta i suoi "100 piccoli passi per l'Italia": dal fisco al lavoro, dallo ius soli al debito, ecco cosa ha promesso

renzi

Matteo Renzi apre la campagna elettorale al teatro Aurora di Scandicci- 3 febbraio 2018 – Credits: ANSA/MAURIZIO DEGL ' INNOCENTI

Redazione

-

Creare un milione di posti di lavoro in cinque anni e portare la disoccupazione sotto il 9%. Misure da dieci miliardi per le famiglie, a partire dalla detrazione Irpef da 240 euro al mese per i figli.

Matteo Renzi ha presentato a Bologna (in ritardo) il programma politico del PD per le prossime elezioni politiche e ha posto l'accento sulla "credibilità".

Il suo target sono le famiglie, il ceto medio, che vuole raggiungere con il "porta a porta" fisico e su Facebook. Per risalire di almeno due punti dal 23% che i sondaggi attribuiscono al Pd.

Nel programma Renzi inserisce i "cento piccoli passi per l'Italia", con un titolo che riecheggia i "cento passi" di Peppino Impastato. Il programma, dunque.

Renzi presenta tre versioni, di cui una che mette a confronto 100 cose fatte con 100 da fare.

  • Una misura per le famiglie fino a 100mila di reddito: 240 euro di detrazione Irpef mensile per i figli carico fino a 18 anni e 80 euro per i figli fino a 26 anni.
  • Lo ius soli, è al punto 69.
  • In cima ci sono le misure promesse sul lavoro (giù di quattro punti di cuneo, il fisco a punti, una buonuscita per i contratti a tempo non stabilizzati)
  • 400 euro al mese per tre anni per asilo nido e baby sitter.
  • Pensioni di garanzia per i giovani e un aiuto da 150 euro per gli affitti.
  • Misure per la non autosufficienza.
  • L'inasprimento di pene per la mancata vigilanza sulle banche e per i manager.
  • La riduzione (non abolizione) del canone Rai.
  • Il manifesto delle 3A, Agricoltura, Ambiente, Alimentazione.
  • Il rispetto dei parametri di Maastricht: deficit fino al 3%, debito giù al 100% in dieci anni e crescita del Pil del 2% l'anno.

Il leader Dem porta sul palco l'avvocato milanese Lisa Noja, oltre a tre uomini chiave del suo governo come Tommaso Nannicini, Yoram Gutgeld e Sandro Gozi, per dimostrare che nelle liste ci sono "fedelissimi" non al segretario ma a "un'idea".

Non è il momento delle polemiche - afferma - ma di impegnarsi "casa per casa" per essere primo gruppo parlamentare (al tavolo, dunque, per la formazione del governo). E almeno su questo la minoranza e gli "scontenti" concordano: la resa dei conti è rinviata al 5 marzo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Elezioni politiche 2018: cosa dice la stampa estera

Il percorso di avvicinamento alla tornata elettorale del 4 marzo osservato dalle principali testate del mondo

Elezioni 2018: niente duelli nei collegi

Alla fine hanno preferito non pestarsi i piedi. Così i big tutelano i loro posti e ci regalano un'altra campagna elettorale a distanza

Debito pubblico, i programmi dei partiti per le prossime elezioni

Stimoli alla crescita, investimenti e avanzo primario. Le ricette delle forze politiche per migliorare le finanze italiane

Commenti