Vendola a pranzo con il giudice che l'ha assolto

Panorama, in edicola dal 21 febbraio, mostra l'immagine del party a cui erano presenti allo stesso tavolo Nichi Vendola e Susanna De Felice

Il Governatore della Puglia, Nichi Vendola (credits: ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Esiste la foto di Nichi Vendola seduto allo stesso tavolo del giudice barese che l’ha assolto. Lo rivela il settimanale Panorama, in un articolo nel numero in edicola da domani 21 febbraio.

A mostrare la foto a Panorama è stata una degli invitati al party, una ventina in tutto.

La donna ha spiegato che la fotografia risale all’aprile 2006 ed è stata scattata in occasione di un pranzo organizzato per festeggiare i 40 anni di Paola Memola, commercialista barese, cugina di Vendola e sua amica.

La festa si svolse al Santos, un ristorante sul mare di Savelletri (Brindisi). Nella foto si vede una tavolata. A destra, in primo piano, spicca Nichi Vendola, vicino al compagno Ed Testa.

Seduta un posto più in là c’è Susanna De Felice, il giudice che il 31 ottobre 2012 ha assolto il governatore pugliese da un’accusa di abuso di ufficio. Al tavolo sono presenti altri magistrati: Gianrico Carofiglio, ex pubblico ministero barese e oggi parlamentare del Pd; sua moglie Francesca Pirrelli, anche lei pm a Bari; il pm barese Teresa Iodice e il giudice del Tribunale civile di Trani Emma Manzionna.

La testimone non ha voluto cedere lo scatto a Panorama e ha motivato così la sua decisione: «Pubblicarlo adesso, a pochi giorni dalle elezioni, sarebbe dirompente: è un’immagine dove si vede un’amicizia, una familiarità. Non posso renderla pubblica per ragioni affettive e ideologiche. Sono molto amica di Vendola e sono andata a votare per lui anche alle primarie».

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le relazioni pericolose della sorella di Nichi Vendola

Un giro di amicizie (e di fotografie) l’avvicina al magistrato che ha giudicato e assolto il fratello governatore. Così adesso indaga la Procura di Lecce.

Frankenstein 2013. Mario Monti e Nichi Vendola

Hanno fatto una campagna elettorale antagonistica. Ma alla fine, se il Pd vince le elezioni, è probabile che si alleeranno. Tra mille contraddizioni - lo Speciale Elezioni 2013 -

Commenti