Politica

M5s a pezzi: altri 10 parlamentari annunciano l'addio

Nove deputati e un senatore fuoriescono dal movimento e si uniranno agli altri dissidenti in una componente del gruppo misto

grillo_mafia

Redazione

-

Nove deputati (Mara Mucci, Tancredi Turco, Walter Rizzetto, Aris Prodani, Samuele Segoni, Eleonora Bechis, Marco Baldassarre, Sebastiano Barbanti e Gessica Rostellato) e un senatore, Francesco Molinari. La lista è quella dei dieci parlamentari che hanno rassegnato le dimissioni dal gruppo M5s.

 

Si uniranno agli altri già fuoriusciti dal movimento di Beppe Grillo in una componente del gruppo misto, non avendo i numeri sufficienti a costituire un gruppo autonomo, che richiede almeno 20 deputati.

A monte della decisione, il contrasto con la linea politica: "Vogliamo cambiare l'Italia e farlo con coerenza e responsabilità", ha dichiarato Mara Mucci in una conferenza stampa alla Camera. A queste parole si sono poi aggiunte quelle dell'altra transfuga Gessica Rostellato: "Nel movimento si sono negati il dibattito e il pluralismo, il blog ha ratificato decisioni già prese e tra non capire e rimanere in silenzio, abbiamo scelto di ribellarci.

Anche gli ormai imminenti ex parteciperanno alle consultazioni del Nazareno per l'elezione del presidente della Repubblica e si dicono disponibili "ad appoggiare un nome che sia di garanzia per i prossimi sette anni, ma non scenderemo a compromessi con nessuno".


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

M5S, perché si sono dimessi altri due senatori e un deputato

Manca il rispetto dei principi e delle regole. Ancora una volta, il movimento mostra la sua fragilità

Grillo e la rivoluzione sgonfia del M5S

Da Woodstook a sagra di paese: al Circo Massimo l'unica rivoluzione è Luigi Di Maio, il borghese di Beppe Grillo

Vendola apre al M5S per un fronte "anti-Nazareno"

Il leader di Sel lancia la proposta per un nuovo fronte, aperto alla sinistra alternativa e alle forze contrarie all'accordo Renzi-Berlusconi

Presidente della Repubblica: l'errore di Grillo e del M5S

Sulla scelta del futuro Capo dello Stato il Movimento non propone nomi e chiude a ogni trattativa. Invece, la partita era tutta da giocare

Commenti