L'affondo del Financial Times contro Renzi

Dopo due anni di Governo, scrive James Politi, la "fortuna" del premier sta scemando: è "autocelebrativo" e "protegge la realtà"

leopolda

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo discorso alla Leopolda, Firenze, 13 Dicembre 2015 – Credits: ANSA/ US/ PALAZZO CHIGI/ TIBERIO BARCHIELLI

Redazione

-

"La fortuna di Renzi si sta esaurendo". Così il Financial Times in un articolo dedicato al premier italiano firmato da James Politi nella rubrica "Global Insight" secondo cui lo "slideshow" con cui Renzi ha ricordato i due anni da primo ministro è "auto-celebrativo" e "protegge con attenzione la dura realtà".

Intanto si tratta di "fortuna" e non di "bravura". Ma ora anche la sorte "gli si sta rivoltando contro" a fronte di crescenti problemi interni e all'estero, spiega Politi aggiungendo che "Renzi è noto per essere un politico agile e capace, ma questi venti contrari, nel corso di un anno cruciale per il governo italiano, potrebbero creare una situazione più cupa del previsto".

"Venerdì i dati pubblicati dall'ufficio di statistica hanno mostrato che l'economia nel quarto trimestre del 2015 è cresciuta di appena lo 0,1% - ricorda Politi -. I dati hanno sollevato la possibilità preoccupante che la fragile e lenta ripresa italiana non sia pronta ad accelerare come previsto dalla maggior parte degli economisti", ma potrebbe rallentare di nuovo". "Al tempo stesso - precisa ancor Politi - le banche italiane sono state tra le più colpite dalla recente disfatta dei mercati globali, accendendo i timori che tutto il Paese possa essere vulnerabile a una nuova crisi finanziaria".

Ma per Politi questo "non è tutto: l'Italia sta affrontando il dilemma strategico su come rispondere alla crescente minaccia dell'Isis, distante appena 200 miglia dall'isola siciliana di Lampedusa. Le sue relazioni con l'Egitto, un rapporto commerciale e strategico a cui Renzi ha duramente lavorato per coltivarlo, sono stati messi in discussione dal misterioso omicidio di un ricercatore italiano che studiava i diritti sindacali al Cairo".

© Riproduzione Riservata

Commenti