Politica

La "sardina" democratica vuole Salvini morto

Autogol sui social e figuracce in tv per i leader del movimento, soprattutto per Samar Zaoui che voleva un giustiziere sociale per Salvini

Samar Zaoui post facebook anti Salvini

Daniele Capezzone

-

Giornataccia per le sardine, tra disastrosi autogol sui social e figuracce in tv. Un minimo di ricerca su Facebook (inevitabile quando la rete si mobilita) ha segato sul nascere la celebrazione mediatica di Samar Zaoui, che sarebbe inevitabilmente scattata dopo la manifestazione di ieri sera a Modena, seconda uscita delle sardine.
 
È infatti venuto fuori che la Zaoui, aspirante laureata e militante Udu (sindacato di studenti di sinistra) e tra le organizzatrici dell' evento modenese insieme al collega di studi Jamal Hussein, a maggio scorso aveva postato una strana via di mezzo tra un appello e una preghiera, corredata dalla condivisione di un inequivocabile video di Matteo Salvini a testa in giù: «Pregate voi, che dio (minuscolo, ndr) vi ascolta. Avremmo bisogno di un giustiziere sociale, di quelli che compaiono nella storia, che dopo aver ucciso vengono marcati come anarchici».
Auspicio? Istigazione? Certo, sarà dura d' ora in poi presentare questa signorina come una lottatrice contro l'odio. Lo stesso Salvini prima ha detto di «aspettare reazioni indignate di giornalisti, politici e merluzzi», e poi ha constatato che il «profilo della democratica sardina che invocava il mio omicidio è inspiegabilmente scomparso da Facebook».


Ma un'altra autorete era già avvenuta qualche ora prima (a volte il frisbee può ritornare indietro come un boomerang), nella forma di un debutto televisivo tutt'altro che brillante per il capo sardina Mattia Santori. Il quale, all'apparire della prima pagina della Verità di ieri, è stato immediatamente costretto a ricorrere a un'imbarazzata bugia. Metodi da vecchio politicante in difficoltà, più che da giovane promessa della «società civile».



Ieri mattina, infatti, ad Agorà su Rai 3, l'ospite d' onore era proprio lui, l'istruttore di frisbee celebrato come un leader: maglioncino senza camicia, barbetta di due giorni, e sorrisino soddisfatto di chi pensa di poter prendere in giro chiunque.

leggi il resto dell'articolo, a pagamento, sul sito laverita.info

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Chi sono le "sardine": storia di un movimento e del suo nome

Dai social alla piazza la rapida parabola del nuovo movimentismo anti Lega con mille dubbi ed i soliti slogan anti-Salvini

Commenti