Politica

Giuseppe Sala, chi è il candidato Pd a sindaco di Milano

Classe 1958, una carriera in Pirelli e Telecom, poi la chiamata alla direzione generale del Comune con Letizia Moratti. Fino a Expo e Palazzo Marino

sala-giuseppe

Redazione

-

Ha scelto Heroes di David Bowie come colonna sonora per presentarsi al primo confronto fra i candidati alle primarie del centrosinistra di Milano Giuseppe Sala, anzi Beppe. Piatto preferito cotoletta alla milanese, aforisma una citazione dal discorso di insediamento di John Kennedy alla Casa Bianca: "non chiedetevi cosa il Paese puo' fare per voi, ma cosa voi potete fare per il vostro Paese".

Ed è questa la filosofia con cui il manager ha spiegato la sua decisione di passare dal mondo delle imprese al pubblico: prima come direttore generale del Comune di Milano, poi come commissario Expo e, soprattutto, da ieri come candidato a Palazzo Marino.

- LEGGI ANCHE: La vittoria di Sala, la vittoria del Partito della Nazione

 

Nato a Milano nel maggio del 1958, interista, sposato con Dorothy De Rubeis, un avvocato specializzata in diritto bancario e finanziario, Sala ha iniziato la sua carriera alla Pirelli, subito dopo la laurea, a venticinque anni nel 1983 presa all'universita' Bocconi. Nel 1998 è diventato ad della società Pneumatici Pirelli e tre anni dopo senior vice president operations, cioè responsabile delle strutture industriali e logistiche del Tyre Sector della Pirelli.

Poi Marco Tronchetti Provera lo ha chiamato in Telecom, dove nel 2003 è messo a capo di Telecom Italia Wireline, cioè della rete fissa. Da direttore generale si è però dimesso nel 2006 in un momento di tensione con l'ad Riccardo Ruggiero. Con uno stipendio e una buonuscita di tutto rispetto (5,6 milioni di euro). Dal dicembre del 2007 al dicembre 2008 è stato presidente della Medhelan Management & Finance e senior advisor di Nomura.

Poi è arrivata la chiamata di Letizia Moratti, all'epoca sindaco di Milano. E così Sala, che puo' contare sulla stima di Bruno Ermolli presidente di Promos e consulente di Silvio Berlusconi, a gennaio 2009 è diventato direttore generale del Comune. Poco più di un anno dopo, a giugno 2010, è nominato amministratore delegato della società Expo 2015, in un momento delicato, quando ancora dovevano essere acquistati i terreni dove costruire i padiglioni dell'esposizione universale.

Il 6 maggio 2013 i suoi compiti sono stati aumentati: il premier Enrico Letta lo ha nominato commissario unico delegato del governo per Expo. E con questo doppio ruolo ha affrontato la bufera che ha investito l'esposizione, dagli arresti ai ritardi. La scommessa di Expo si è chiusa però con oltre 21 milioni di biglietti venduti. Ma Sala - anche per il pressing di chi lo voleva candidato - ha trovato poco tempo per riposarsi. Qualche giorno dopo la fine dell'esposizione ha postato su instagram una fotografia del cammino di Compostela che ha fatto a piedi da solo. Poi l'annuncio della candidatura con il sostegno di buona parte del Pd, ma non di tutto. E la vittoria alle primarie. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Primarie PD a Milano: vince Sala, vince il Partito della Nazione

Con la vittoria dell'ex commissario Expo esce di scena l'eccezione milanese rappresentata dalla giunta Pisapia

Primarie Pd a Milano: Sala è il candidato sindaco

L'ex commissario EXPO vince con il 42,28% dei consensi. I complimenti e il rammarico di Balzani, gli auguri di Renzi, l'ironia del centrodestra

Primarie PD Milano: il mistero del sondaggio rimosso dalla Rai

Perché la trasmissione di Rai Tre "Agorà" non ha mandato in onda il sondaggio di Ixé durante l'ultimo confronto televisivo tra i quattro sfidanti?

Commenti