Politica

Foa guarda ai giovani, al web e all'"aria fresca in Rai"

Il neopresidente vuole una Rai "rock". Ma le sue dichiarazioni d'intenti hanno sollevato una raffica di contestazioni

Marcello Foa

Antonella Piperno

-

Punta a riavvicinare i giovani alla tv pubblica dando vita a una Rai "rock". E  si ripromette anche di rilanciare il web, molto indietro rispetto alla popolarità dei siti delle tv pubbliche internazionali.

Giovani Web (e contestazioni)

Tra tutti i suoi propositi, il rinnovamento del pubblico e dell’online sono i soli due punti che non sono stati contestati dal Pd, dal'Usigrai e dalla Fnsi a Marcello Foa, con una raffica di comunicati inferociti che stanno contribuendo a renderlo il presidente della Rai dei record.

Oltre ad essere l’unico eletto al secondo round (il 26 settembre con 27 voti su 40 e un’alleanza M5S-Lega-Forza Italia, dopo la fumata nera di agosto in Commissione di Vigilanza, quando mancarono i voti di FI), è infatti anche quello che, già prima  di presiedere la sua prima riunione  del Cda, ha accumulato, oltre alle dichiarazioni di illegittimità della sua nomina (e la richiesta del Pd, respinta al mittente dal presidente della Commissione di Vigilanza Alberto Barachini, di controllare la validità delle schede di voto) un numero record di accuse varie: violazioni di leggi, di sentenze della corte Costituzionali, arroganza politica e via puntando il dito.

La prima intervista da presidente

Tutto nasce dalla sua prima intervista da presidente, rilasciata al Corriere della Sera. All’Usigrai e alla Fnsi non sono piaciuti vari punti, in primis che Foa abbia detto di aver avuto un "mandato ampio e fiduciario dal governo" quando la fiducia in lui spetta al cda e al Parlamento. E il Pd di Michele Anzaldi, da parte sua, ha sparato ad alzo zero quando Foa ha detto di voler "portare aria fresca in Rai" cambiando i direttori, per ottemperare al mandato. Apriti cielo. Per legge è l’ad Fabrizio Salini (che dal suo insediamento non ha ancora rilasciato alcuna intervista) a proporre i nomi per le varie direzioni.

Foa punterebbe comunque a "non guardare alle casacche politiche ma alla meritocrazia". Se l’opposizione è scatenata, il neopresidente è difeso dalla maggioranza, a cominciare da Gianluigi Paragone, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Vigilanza Rai. "Marcello Foa è stato eletto presidente della Rai, il Pd se ne faccia una ragione e voltiamo pagina. Per quanto tempo dovremo assistere ancora al canto del cigno?". 

Le nomine

Nella sua prima riunione del Cda da presidente, Foa e consiglieri hanno approvato su proposta dell’ad Salini la nomina di Alessandro Casarin (area Lega) a direttore ad interim della Testata Giornalistica Regionale, dopo le dimissioni di Vincenzo Morgante, passato a Tv2000.

Alle altre pesanti direzioni si procederà nelle prossime settimane. In pista per il Tg1 c’è Gennaro Sangiuliano (area Lega) con l’alternativa grillina di Alberto Matano o Franco Di Mare; per il Tg2 si parla di Luciano Ghelfi, ma avrebbe chance anche Giuseppe Carboni; per il Tg3 si annuncia la conferma di Luca Mazzà o o dell'arrivo di Gianluca Foschi da La7.

Per quanto riguarda le reti  per Rai 1 si fa il nome di Marcello Ciannamea, per Rai 2 di Maria Pia Ammirati, mentre a Rai 3 potrebbe restare Stefano Coletta.

Una poltrona dovrebbe essere sicura anche per Carlo Freccero.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Presidenza Rai, il ritorno di Foa (con una raffica di ricorsi)

Lega e M5s hanno presentato in Vigilanza una risoluzione che riammette la sua votazione dopo la bocciatura di agosto. Ma l'opposizione non ci sta

Nomine Rai: ecco le prime

I grillini hanno messo il loro uomo, Salini, sulla poltrona di amministratore delegato, i leghisti hanno scelto un loro fedelissimo, Foa, per la presidenza

Per rivoluzionare la Rai ci vorrebbe una figura come Marchionne

Per Giuliano Ferrara la tv di Stato è un po' come la Fiat: dal debito alla concorrenza, dai diritti della forza lavoro al ruolo degli azionisti

Rai, rush finale per l'ad e il presidente

Con le ultime e travagliate nomine sta per prendere corpo la nuova Rai a trazione grillino-leghista

Il luglio caldo delle nomine Rai

Quelle di presidente e dg ancora latitano. Principalmente per la difficoltà, delle due aree, leghista e grillina, a spartirsi le zone di potere

Commenti