Politica

Elezioni comunali in Trentino: i risultati

A Bolzano si va al ballottaggio. A Trento confermato il sindaco Andreatta. Ecco l'esito delle urne dalle grandi città ai piccoli comuni. Botto della lega

Elezioni-trento

Elezioni comunali a Trento il 10 maggio 2015 – Credits: ANSA/CLAUDIA TOMATIS

Chiusa la tornata elettorale per le comunali in Trentino. A Bolzano ballottaggio, a Trento confermato il sindaco Andreatta del centrosinistra con il 53,7% dei voti. Ma la vera vincitrice è la Lega che in entrambe le città raddoppia i consensi a scapito soprattutto di Forza Italia.

A Bolzano si va al ballottaggio tra il sindaco uscente del Pd Luigi Spagnolli, che ha ottenuto il 41,58%, e Alessandro Urzì che con i colori anche di Forza Italia ha raggiunto quota 12,74%. I risultati definitivi del voto nel capoluogo sono stati resi noti dopo uno scrutinio-monstre durato 12 ore e mezzo. Al terzo posto si è piazzato Carlo Vettori della Lega Nord-Salvini con 10,67 punti. Subito dopo Cecilia Stefanelli, della sinistra con i Verdi, che ha ottenuto il 10,45%. Spagnolli paga l'uscita dalla coalizione della sinistra, che ha preferito presentarsi con un proprio candidato sindaco ed ora dovrà cercare di ricucire i rapporti.

Per quanto riguarda i voti di lista, il Pd in città è stabile ottenendo le stesse percentuali di 5 anni fa. Grande sorpresa è la Lega che raddoppia i voti, pur orfana dell'ex leader Elena Artioli, recentemente passata armi e bagagli al Pd. I commentatori attribuiscono l'exploit all'effetto Salvini, che aveva tenuto un comizio in piazza con moltissimo pubblico a poche ore dall'appuntamento con le urne. Si segnala infine il crollo di Forza Italia che non ha sfiorato il 4% di fronte al 22,2% ottenuto dal Pdl nella precedente tornata. Leggero calo della Svp che lascia sul campo quasi 4 punti percentuali

A Trento Andreatta confermato

Il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta, è stato confermato per il suo secondo mandato. Ha ottenuto il 53,7% dei voti con la coalizione di centrosinistra autonomista che lo aveva fatto vincere anche nel 2009, col 64,42%.
Alessandro Andreatta (Pd, Patt, Verdi, Cantiere civ.) 53,7%
Claudio Cia (Civica Tr., Pt, Fi, Ln, Fdi-An) 31,0%
Paolo Negroni (M5s) 8,4%
Antonia Romano (L'altra Trento a sinistra) 4,5%
Paolo Primon (Popoli liberi) 2,4%

Gli altri 8 comuni

Altri otto comuni del Trentino andranno al ballottaggio. Sono tutti centri sopra i 3.000 abitanti, in cui nessuno dei candidati ha superato la soglia di consenso necessaria del 50%. Voteranno il 24 maggio. I comuni interessati sono Ala, Aldeno, Borgo Valsugana, Cavalese, Folgaria, Mori, Rovereto e Storo. Il caso più eclatante quello di Rovereto, su cui peraltro gli occhi erano puntati. Si tratta infatti per grandezza - sfiora i 40.000 abitanti - del secondo centro del Trentino, ma importante anche per la partita giocata dal sindaco uscente del Pd, Andrea Miorandi, e dal Pd stesso con il centrosinistra autonomista che governa anche la Provincia autonoma. Una ricandidatura, quella di Miorandi, ufficializzata dopo mesi di confronto nel Pd e non prima che la segretaria provinciale, Giulia Robol, avesse dichiarato per qualche momento l'idea di proporsi in prima persona per battere una nascente altra coalizione di centrosinistra, quasi tutta di civiche. Un'ipotesi morta sul nascere, ma che evidentemente ha pesato sul voto. 

© Riproduzione Riservata

Commenti