Politica

Elezioni in Trentino Alto Adige: l'exploit della Lega

A Bolzano Svp cala ma non crolla. A Trento si profila la vittoria del candidato leghista Maurizio Fugatti

Elezioni Trentino

Simona Santoni

-

Il Trentino Alto Adige è andato al voto, domenica 21 ottobre, per rinnovare il consiglio provinciale. 

Nell'Alto Adige-Suedtirol, la provincia più a nord d'Italia, la Lega ha fatto un grande passo in avanti, confermando il suo crescente appeal nelle preferenze degli italiani. E anche in Trentino si sta attestando uno scatto sempre più a destra.

I risultati delle provinciali in Alto Adige

In Alto Adige 424.184 aventi diritto sono stati chiamati a rinnovare il consiglio provinciale della Provincia Autonoma di Bolzano.

Il partito Svp Südtiroler Volkspartei, che protegge gli interessi dei gruppi linguistici tedesco e ladino, cala ma non crolla: vince le elezioni con il 41,9% dei voti e guadagna 15 seggi. Al secondo posto con il 15,2% e 6 seggi Team Koellensperger, una sorta di lista civica, vicina a chi parla la lingua tedesca, fondata pochi mesi dai dissidenti del Movimento 5 Stelle. 
La Lega fa il suo exploit affermandosi come terzo partito, primo degli italiani, con l'11,1% e ottenendo 4 consiglieri provinciali. 

Seguono Verdi-Gruene-Verc (6,8% e 3 seggi), Freiheiltichen (6,2% e 2 seggi), Sued-Tiroler Freiheit (6,0%e 2 seggi). Il Partito Democratico raccoglie solo il 3,8%, il Movimento 5 Stelle 2,4%, 1,7% L'Alto Adige nel cuore - Fratelli d'Italia Uniti: a ciascuno è assegnato 1 seggio.
Sono rimasti senza seggi Buergerunion fuer Suedtirol (1,3%), Noi per l'Alto Adige - Fuer Suedtirol (1,2%), Forza Italia (1%), CasaPound Italia (0,9%) e Vereinte Linke - Sinistra Unita (0,6%).

Il governatore uscente Arno Kompatscher è il campione delle preferenze: il rappresentante della Svp ha ricevuto 68.210 voti diretti (rispetto al 2013 è comunque un calo di quasi 11.000).

I risultati delle provinciali in Trentino

In provincia di Trento 427.450 aventi diritto sono stati chiamati a votare per il rinnovo del governo provinciale. 11 i candidati alla poltrona di governatore, che viene eletto direttamente dai cittadini.

Lo scrutinio è ancora in corso ma si profila la vittoria del candidato leghista Maurizio Fugatti, sottosegretario alla Salute, nella corsa a governatore.

La sua elezione strapperebbe la guida al centrosinistra autonomista, che ne ha presieduto l'autonomia per vent'anni. 

A sostenere Fugatti era sceso in campo in un tour elettorale il leader della Lega, Matteo Salvini. I primi dati dello scrutinio delle elezioni provinciali danno Fugatti al 45,52% (157 sezioni scrutinate su 529). Dietro di lui Giorgio Tonini (Pd) al 25,78% e il governatore uscente Ugo Rossi (Patt) all'11,95%. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Condono fiscale: il perché dello scontro M5S-Lega

Di Maio contesta alcune misure che favorirebbero il riciclaggio e che sarebbero state inserite nel decreto a sua insaputa

Oggi Lega, Forza Italia e Fdi sarebbero maggioranza. E Di Maio lo sa

Gli incontri tra Matteo Salvini e Silvio Berlusconi potrebbero essere il preludio del ritorno al potere della coalizione di centrodestra

Pensioni: cosa sono la quota 100 e le altre idee di Lega e M5S

Le donne a riposo a 58 anni (col metodo contributivo) e tutti a 64 anni con 36 di contributi. Così Salvini e Di Maio vogliono cambiare la previdenza

Commenti