Politica

Elezioni Europee 2019 - i risultati. Diretta

Lega primo partito oltre il 30% davanti al Pd che avrebbe superato in maniera clamorosa il Movimento 5 Stelle

Salvini-elezioni

In diretta tutti i risultati in tempo reale del voto in Italia e la composizione del nuovo Parlamento Europeo.

Il voto il Italia

La Lega trionfa. Il partito di Matteo Salvini arriva oltre il 34% dei voti, un successo che ha del clamoroso. Crolla invece il Movimento 5 Stelle che si attesta attorno al 17%, la metà esatta dei voti del suo alleato di Governo. Il secondo partito del paese è il Pd che ottiene quasi il 23%. Forza Italia non supera la soglia del 10% (8,6%) mentre ottimo il risultato di Fratelli d'Italia che si avvicina a Berlusconi con il 6,5.

Nessun altro partito supera lo sbarramento del 4% (clicca qui per i dati degli scrutini in tempo reale diffusi dal Viminale).

Bassa l'affluenza, ferma al 56%.

1592897

Per quanto riguarda i seggi ecco la loro distribuzione ed il confronto con i seggi ottenuti nella legislatura precedente:

Lega: 28 seggi - erano 6 (+22)

Pd: 18 seggi  - erano 26 (-8)

Movimento 5 Stelle: 14 seggi - erano 11 (+3)

Forza Italia: 8 seggi - erano 10 (-2)

Fratelli d'Italia: 5 seggi - erano 2 (+3)

Il voto in Europa

In Europa le prime proiezioni sul nuovo Parlamento fornite da Bruxelles ci mostrano un calo molto sensibile dei socialisti mentre i Popolari (Il PPE) diventano il primo partito con un ampio margine sui rivali. I cosiddetti sovranisti sono vicini ai 60 seggi su 730. 

1592990

In Europa, complessivamente, il PPE (Partito Popolare Europe) diventa la prima forza dell'assemblea con circa 182 seggi. Segue, in forte calo, il Partito Socialista con 147. Cresce invece il gruppo dei liberali di Alde, che arriva a quasi 110 seggi. Più o meno la cifra di deputati raccolta insieme dai due gruppi conservatori e sovranisti.

Clamoroso il risultato nel Regno Unito: gli euroscettici di Farage sarebbero al 32% davanti ai liberali con il 20%. I Laburisti di Corbyn sono al 17%, sprofondano i Tories all'8%

In Olanda i primi exit poll raccontano del successo dei laburisti con il 18%, davanti al Partito popolare; quarta la formazione nazionalista ed anti-Ue

In Germania in testa gli exit poll vedono in testa la Cdu di Angela Merkel che però perde, passando dal 35% al 28%. Crollano i socialdemocratici che si fermerebbero al 16%. Afd, il partito dei nazionalisti è stabile rispetto all'ultimo voto attorno al 10%. Boom dei Verdi che arrivano al 22%

In Francia sempre per gli exit poll ed i primi voti reali dei piccoli centri in testa ci sarebbe il Rassemblement National di Marie Le Pen, con una percentuale variabile tra il 25 ed il 22. Segue, staccato di tre punti, il partito di Emmanuel Macron

In Ungheria Orban avrebbe stravinto con un clamoroso 56% dei voti.

In Grecia sarebbe in testa il partito dei conservatori, centrodestra, con il 36%. Tsipras segue al 27%.

In Austria vittoria per il cancelliere Kurz; il suo partito secondo i primi exit poll avrebbe ottenuto il 34%

In Spagna i socialisti del PSOE sono primi con il 28,9%. Crollano i popolari al 17,3%. I sovranisti di Vox hanno chiuso al 6,5%

Il voto delle Regionali in Piemonte

Si è votato anche in Piemonte per l'elezione Regionale. I primi exit poll (lo spoglio sarà domani) danno il candidato del centrodestra, Alberto Cirio, in vantaggio con una percentuale variabile tra il 45 ed il 49.

Sergio Chiamparino, candidato del centrosinistra, avrebbe ottenuto un risultato tra il 36,5 ed il 40,5.

Il candidato del Movimento 5 Stelle, Giorgio Bertola, è staccato tra il 12 ed il 16%

© Riproduzione Riservata

Commenti