Elezioni 2018: contro lo stallo, un governo dei leader

Con la nuova legge elettorale, l'Italia rischia di essere in mano alle terze file. Il grande passo auspicabile? Che le guide dei partiti puntino a ruoli di primo piano

Keyser Soze

-

Giorni fa su La Repubblica, Michele Ainis, costituzionalista di talento, tracciava il vademecum della terza Repubblica, quella che ci ha portato in dote la nuova legge elettorale proporzionale. Su un punto Ainis era assolutamente convinto: un simile sistema offre fatalmente le chiavi del Potere ai "non vincenti", a "personaggi scoloriti", "a chi non vince o a chi non gioca", "alle terze file". Ragionamento che in un Paese strano come l'Italia ha una sua verità storica.

Non per nulla il centrodestra è andato al voto con tre candidati a Palazzo Chigi - Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni - e la scelta, in caso di vittoria, è stata rinviata a dopo il 4 marzo. E anche nel caso non vincesse nessuno e spuntasse l'ipotesi di un governo di larghe intese, i nomi più gettonati per presiederlo sono di personaggi di compromesso, appunto, seconde o terze file, con identikit simili a quelli di Paolo Gentiloni. Ma si tratta di una legge della politica o di un rituale tutto italiano, per alcuni versi senza senso?

Il modello della grande coalizione tedesca

In Germania la pensano in tutt'altro modo: dopo una lunghissima e complicatissima crisi, Angela Merkel, leader dei cristiano democratici, e Martin Schulz, capo dei socialdemocratici, si preparano a varare un governo di grande coalizione, con l'idea di far parte entrambi del governo, la prima nel ruolo di cancelliere, il secondo, non fosse altro perché guida un partito più piccolo, di vice.

Dato che la prova è ardua, i due leader hanno deciso di mettersi in gioco e di assumersi in prima persona la responsabilità di una svolta che potrebbe scontentare anche qualche loro elettore. Come i due consoli dell'antica Roma.

I governi italiani delle trame nascoste

In Italia, invece, si predilige sempre la subordinata, per timore o perché si coltiva un secondo fine. Avveniva nella seconda Repubblica e rischia di avvenire anche nella Terza. Nei governi di centrosinistra è stata una costante: mentre Romano Prodi era a Palazzo Chigi, Massimo D'Alema lavorava per prenderne il posto, spiegando dentro e fuori l'Ulivo che lui sarebbe stato molto meglio. L'esperienza si è ripetuta anche nell'ultima legislatura con lo "stai sereno" di Matteo Renzi a Enrico Letta.

Nel centrodestra operazioni simili non sono arrivate a compimento, ma solo per lo strapotere di Berlusconi. Detto questo, ci hanno provato lo stesso. Anzi, a dir la verità, Umberto Bossi riuscì a far cadere il primo governo del Cav, mentre gli ex-alleati Pierferdinando Casini e Gianfranco Fini, come presidenti delle Camere, hanno provato seriamente a ripetere l'operazione, anche se invano.

Se i leader di partito avessero ruoli di primo piano

Per cui senza stare appresso a quella chimera che si insegue da venti anni della riforma costituzionale, già un grande passo avanti sarebbe se, contraddicendo la profezia di Ainis, i leader dei partiti che formeranno la prossima maggioranza decidessero di avere ruoli di primo piano nel governo. Una logica che dovrebbe prevalere se vincesse il centrodestra, ma ancor di più se si imponesse la necessità di una grande coalizione.

I modi sono infiniti: i vari leader possono stare insieme nel governo, avere ruoli istituzionali o si possono immaginare staffette a Palazzo Chigi. L'unica cosa da evitare è che, fatto un governo, chi è in platea cominci a lavorare già dal giorno dopo contro chi è sulla scena. Insomma, ci sarebbe bisogno di responsabilità più trasparenti e meno ipocrisia. "Gli inciuci" osserva Berlusconi "sono i patti segreti, non gli accordi dichiarati". Appunto, innanzitutto, trasparenza da parte di tutti, a cominciare da quello che riguarda il Cav: dato che il personaggio, in tutte le opzioni più probabili della prossima legislatura, sarà il perno del governo del Paese, si porrà, se non si vuole far la politica degli struzzi, la questione di una sua riabilitazione. Meglio prima, che dopo.


Articolo pubblicato sul n° 8 di Panorama in edicola dall'8/2/2018 con il titolo "Contro lo stallo, un governo dei leader"


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il discorso di Gentiloni: "Il Governo non tira i remi in barca"

Nella conferenza di fine anno la conferma che il Governo resterà in carica fino alle elezioni. Il punto su economia, diritti civili e campagna elettorale

Rosatellum bis: tutte le ombre sulla legge elettorale

L'incognita della questione di fiducia su un testo che suscita molte perplessità tecniche ed etiche

Matteo Renzi, la strategia della bugia

Promesse mancate, bluff, mosse azzardate: si è mosso in modo spregiudicato ma nel partito si è rafforzato. Perché nel Pd non ha rivali all'altezza

Commenti