Politica

D'Alema: quali elettori può convincere e perchè

Alla testa di un nuovo movimento, è pronto alla scissione dal Pd: "Una forza di sinistra vale il 15 per cento"

Meglio non guardare....

Carmelo Caruso

-

È cosi antipatico che finisce per piacere. È antirenziano ma è la più grande risorsa dei renziani.

Con i piedi per aria («sono sbarcato all’alba a Fiumicino dall’Iran, dove Vodafone non prende…») ma con la testa sempre in Italia, Massimo D’Alema organizza lo scisma democratico, vuole intronare il governatore pugliese Michele Emiliano e riprendersi la sinistra che crede una sua invenzione quanto i libri che nel Pd, si sa, legge solo lui.

 - LEGGI ANCHE: Le velleità di Michele Emiliano

Insomma, non solo è tornato massimo ma addirittura si pesa, «una formazione di sinistra vale fra il 10 e il 15 per cento», commissiona sondaggi per misurare la temperatura, alta, del Pd, un partito, parole sue, «che come lo abbiamo conosciuto già non esiste più».

Il suo Pd è quello che masticava parole come "Base", "Apparato", è quello della "Ditta" di Pierluigi Bersani che è evaporizzato ma non scomparso, più meridionale che settentrionale, meno liquido di quello di Renzi e molto solido come appunto piaceva ai vecchi dirigenti del Pci. È un'umanità sbandata di cui D'Alema è ancora un riferimento più culturale che materiale, è un popolo terremotato che D'Alema sogna ancora di poter capeggiare.

Dunque la rottamazione non solo lo ha rinvigorito ma ne ha lucidato le ambizioni, ne ha affinato la protervia che, insieme a Renzi, D'Alema continua a conservare.

Con un sottosopra fenomenale, D’Alema si è infatti impossessato dello storico j’accuse che il regista Nanni Moretti gli rivolse nel 2013 a piazza Navona, «con questi dirigenti non vinceremo mai», per capovolgerlo contro l’ex premier: «Con Renzi non vinceremo mai».

È stata un’epifania, e non solo perché, per una volta, D’Alema ha praticato l’autoironia di cui sempre difetta, ma perchè, finalmente, ha riconosciuto a Renzi gli stessi limiti che sempre hanno rimproverato a lui.

Apparentemente inconciliabili, Renzi e D’Alema, sono in realtà straordinariamente complementari. La verità è che D’Alema si alza quando Renzi si eclissa ed è quando attacca D’Alema che Renzi torna a essere rottamatore. Uno ha bisogno dell’altro.

E infatti con linguaggio militare, D’Alema ha annunciato il reclutamento e la selezione dei «riservisti» che al circolo Frentani di Roma, domenica scorsa, si sono ritrovati e accettato l’ingaggio.

È il popolo del “No” al referendum costituzionale, una ganga compatta, che D’Alema ha scoperto di poter maneggiare, la brace rimasta per infiammare ancora la casa.

D’Alema si è così sorpreso movimentista, lui che ha sempre disprezzato i girotondi, sta vivendo la stagione della subalternità nonostante sia stato sempre élite.

Di sicuro era un altro D’Alema, ma forse meno vero, quello che regalò la maglia di Francesco Totti a Renzi, era il 2014, quando ancora aspirava a essere il suo candidato in Europa.

E c’era malinconia ma non ancora il rancore di oggi quando a Bianca Berlinguer disse: «A noi rottamati non è stata concessa neppure una disonorevole sepoltura».

«Pronti a qualsiasi evenienza» ha dunque avvertito, D’Alema sta oggi raccogliendo fondi, adesioni per il suo nuovo movimento che ha chiamato, non a caso, ConSenso che secondo lui (e i sondaggi) potrebbe valere il 10 per cento, una nuova cosa rossa per proteggersi da Renzi che ha creato nel Pd "un clima d'intimidazione". Ce la farà?

Come tutti i diavolacci nazionali, D’Alema di sicuro consenso ne gode tra i quieti che non riescono a essere feroci, fra gli impudenti che non riescono a eguagliarlo in alterigia.

Dunque ha consenso D’Alema? Non misurabile con i sondaggi, inspiegabile dagli studiosi, D’Alema è l’alter(Ego) nazionale, è la vanità del sobrio che in lui non si vede ma si specchia. Piace più a chi lo combatte che ai dalemiani che ha sempre rinnegato come categoria: "I Dalemiani non esistono".

Insomma, D'Alema è una garanzia d'immortalità, perchè come ha spiegato una volta per tutte l’umorista Marcello Marchesi:  “I simpatici invecchiano ma solo gli antipatici non muoiono”.

 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

PD: prove di scissione per il 2017

Michele Emiliano da una parte e Massimo D'Alema dall'altra attaccano il segretario Renzi. Al centro, il congresso del partito

Pd: perché il partito è sempre più spaccato

Renzi vuole le urne per non farsi logorare, la minoranza il congresso per mettere l'attuale segretario fuori gioco. D'Alema intanto prepara la scissione

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965