Oxfam-International-migranti
Politica

Così l'Italia tutela i diritti dei bambini stranieri senza famiglia

La Camera ha approvato la legge che vieta di respingere i ragazzi che arrivano nel Paese non accompagnati e assicura loro la protezione garantita ai minori di 18 anni dei paesi Ue

Un provvedimento di civiltà: la Camera ha approvato la legge sui minori stranieri non accompagnati.
Sono stati 375 i sì, 13 no e 41 le astensioni.

La legge prevede che i bambini e i ragazzi non ancora maggiorenni che arrivano in Italia senza una famiglia non potranno essere respinti: godranno invece degli stessi diritti di protezione che sono riconosciuti ai minori italiani e a quelli che vengono da un Paese della Ue.

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha definito la legge "una scelta di civiltà per la tutela e l'integrazione dei più deboli".

Un testo che, sottolinea il Pd, "rende giustizia al ruolo di Paese fondatore dell'Italia e potrà essere spesa sui tavoli di trattativa" in materia di immigrazione.

LEGGI ANCHE: Proteggiamo i piccoli migranti

Il testo, approvato a Montecitorio con il sì della maggioranza e dei Cinque stelle, il no della Lega e l'"astensione critica" di Forza Italia, Cor e Fratelli d'Italia, garantisce ai minori stranieri non accompagnati un permesso di soggiorno per minore età o per motivi familiari.

Sarà garantito il diritto all'assistenza sanitaria e all'istruzione. I ragazzi stranieri restati senza famiglia potranno inoltre accedere al Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati.

Al compimento della maggiore eta', il permesso di soggiorno sarà convertito quasi automaticamente: la legge prevede infatti il silenzio assenso sui pareri della pubblica amministrazione.

Le nuove regole stabiliscono anche la possibilità per i minori non accompagnati di rimanere in affido ai servizi sociali fino a 21 anni, premiando chi ha intrapreso percorsi di formazione e integrazione.

Novità anche per il procedimento di espulsione, che diventa di competenza del Tribunale per i minorenni e potrà essere adottato solo se non c'è il rischio di "danni gravi per il minore".

Ridotti a un massimo di 30 giorni i tempi per essere ammessi nelle strutture di prima accoglienza. Inoltre si istituisce per ogni Tribunale per i minorenni un elenco di tutori volontari. Per quanto riguarda il rimpatrio assistito e volontario, la competenza passa al tribunale per i minorenni. (Ansa)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Proteggiamo i piccoli migranti

Il Papa e Mattarella, nella Giornata del migrante e del rifugiato, chiedono tutte le misure necessarie per la difesa, la cura e l'integrazione

Commenti