Corsa al Quirinale: a ogni partito il suo Presidente

Berlusconi apre a un candidato di sinistra, la minoranza dem vuole Prodi, per Salvini "meglio Baresi"

Palazzo del Quirinale

Una veduta esterna del palazzo del Quirinale. – Credits: ANSA/CLAUDIO ONORATI

Claudia Daconto

-

Giovedì scorso Giorgio Napolitano ha confermato che le sue dimissioni da capo dello Stato sono “imminenti”. Secondo alcuni il suo secondo mandato terminerà già a metà gennaio. Per le prime votazioni bisognerà aspettare probabilmente i primi di febbraio. Comunque sia, una manciata di settimane. Tanti i nomi già circolati per la successione, tra i più gettonati quelli di Giuliano Amato (che certamente non dispiacerebbe a Silvio Berlusconi) e di Romano Prodi su tutti.

Chi sarà il prossimo presidente della Repubblica?


Matteo Renzi e il diretto interessato ne avrebbero parlato durante l'incontro di lunedì scorso a Palazzo Chigi ma il professore, vittima dei 101 franchi tiratori del Pd nell'aprile del 2013, ha negato di essere interessato alla partita. Eppure, negli ultimi giorni, proprio lui è sembrato diventare il sogno proibito di molti. Pippo Civati, uno dei leader dei dissidenti dem, lo ha candidato ufficialmente; Pier Luigi Bersani ha tratteggiato un identikit (“un presidente autonomo e autorevole, che mastichi di economia e sappia tenere il volante”) che assomiglia molto all'ex premier già fatto votare dai suoi la volta scorsa; Nichi Vendola ha invitato il premier a ignorare Berlusconi e a votare l'ex presidente della Commissione europee dalla quarta votazione insieme a Sel. Addirittura Augusto Minzolini, senatore forzista dissidente, vedrebbe nell'elezione di Prodi un segnale di pacificazione.

Nella scelta del futuro inquilino del Colle, Matteo Renzi dovrà vedersela con loro, oppositori interni ed esterni. La tentazione di votare Romano Prodi, il nome più inviso all'ex Cavaliere, per mandare a monte il patto del Nazareno e bloccare le riforme c'è. Il fronte degli avversari va dalla minoranza dem a quella di Forza Italia, a Sel, alla Lega ai 5Stelle. Renzi lo sa e per questo preferisce non fare nomi, per non bruciarli, e parlare soltanto di metodo quindi della necessità – scontata visto che deve essere comunque almeno la maggioranza assoluta del Parlamento a scegliere – di coinvolgere tutte le forze politiche, "a maggior ragione Forza Italia che è già stata determinante nell'elezione di Ciampi e la seconda volta in quella di Napolitano” e sta scrivendo le riforme insieme al Pd. Anche se - a differenza di quanto avevano fatto sapere sia Berlusconi che il suo consigliere Giovanni Toti - il primo ministro ha assicurato che la partita del Colle non ha mai fatto parte del patto del Nazareno.

L'idea di Silvio Berlusconi

Ma chi oggi spariglia le carte e in un'intervista a Repubblica annuncia di non avere alcuna pregiudiziale, nemmeno nei confronti di “uno di sinistra” purché sia capace di essere “garante di tutti, una persona equilibrata, seria, competente” è proprio il capo di Forza Italia. Come Renzi anche l'ex Cavaliere preferisce non fare nomi e cognomi, ma per la prima volta apre alla possibilità di accoglierne uno indicato dal Pd ed eventualmente anche proveniente dall'area di sinistra a patto che “svolga il suo ruolo di garanzia nei confronti di ognuno e non di una sola parte”. In tal caso Berlusconi sarebbe certo che tutti i 150 suoi “grandi elettori” lo voterebbero, nonostante le divisioni interne.

Matteo Salvini candida Franco Baresi

Matteo Salvini si chiama fuori, "non eleggiamo nessuno – ha infatti dichiarato con sprezzante sarcasmo il segretario della Lega - intanto fa tutto Renzi" e a chi insiste per un nome ha indicato l'ex giocatore del Milan Franco Baresi che “farebbe meglio di Prodi”. Per Roberto Calderoli il prossimo presidente non deve essere né di sinistra né "la solita vecchia scarpa della politica". Via libera dunque al giornalista Vittorio Feltri e al patron di Esselunga Bernardo Caprotti.

Angelino Alfano vuole un moderato

Per Angelino Alfano, infine, non potrà essere il congresso del Pd, ha detto, a eleggere il capo dello Stato. Angelino Alfano sogna “un moderato, cattolico, che rappresenti tutti e quindi esterno al partito del premier” il cui nome sia frutto di una scelta condivisa tra Ncd e Pd da sottoporre a Forza Italia solo in un secondo momento. Una personalità, “senza spilletta di partito”, ha chiarito ulteriormente il ministro dell'Intero mettendo, anche se implicitamente, un veto su Romano Prodi.

Che però, sommando i voti di Pd, Sel, pezzi di Forza Italia e M5S in questo momento è il nome che sembra avere più chance di chiunque altro. Tornando a sparare su Giorgio Napolitano (“non dovrebbe dimettersi, dovrebbe costituirsi”), anche Beppe Grillo ha fatto capire di essere interessato alla partita. “Serve un presidente che non firmi qualsiasi cosa, dalla legge Fornero allo scudo fiscale” ha detto annunciando che il nome da candidare sarà scelto attraverso le Quirinarie tra personalità lontane dal mondo della politica”. Freddezza su Prodi, “basta, non se ne può più”. Ma il professore era già presente tra i nomi in lizza nel 2013. E non è detto che senatori e deputati grillini alla fine non decidano di convergere anche loro su di lui.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Quirinale: perché Pietro Grasso può sostiture Napolitano

Il Presidente del Senato potrebbe diventare Capo dello Stato fino al via libera alla riforma del Senato, evitando l'elezione di un presidente "dimezzato"

Il senso dello Stato nel discorso di Giorgio Napolitano

Alle alte cariche dello Stato il Presidente della Repubblica dice: "Basta invocare l'instabilità. Il danno può essere grave". E esprime fiducia al Governo

Giorgio Napolitano annuncia la fine del suo mandato

In occasione degli auguri di Natale al corpo diplomatico, il Presidente della Repubblica cita l'"imminente conclusione" del suo incarico

Grillo attacca (di nuovo) Napolitano

Alla stampa estera, l'ex comico dice: il Presidente "non dovrebbe dimettersi, ma costituirsi". E spara a zero su Europa, Governo, democrazia

Berlusconi con Renzi sull'elezione del Presidente della Repubblica

In un'intervista a Repubblica il leader di FI dice: "Noi guardiamo alla persona, non ha importanza se è di quella parte o di quell'altra"

Commenti