Caso Pollari: il governo solleva il conflitto di attribuzione

L'esecutivo confermerà il segreto di Stato a tutela dell'ex direttore Sismi dopo il rigetto del proscioglimento da parte della Cassazione

Nicolò Pollari, ex capo del Sismi (Credits: Alessandro Di Meo/Ansa)

 Di Enzo Beretta da Perugia

 Il governo solleverà il conflitto di attribuzione contro il provvedimento della Cassazione che lo scorso 13 novembre ha rigettato il proscioglimento per l’ex direttore del Sismi Nicolò Pollari e per il suo braccio destro Pio Pompa, imputati nella vicenda relativa alla presunta attività di dossieraggio su politici, magistrati e giornalisti svolta fino al 2006 nell’ufficio riservato di via Nazionale. La questione verrà affrontata nei prossimi giorni. Dalla Presidenza del Consiglio dei ministri è arrivata al gup di Perugia una lettera riservata, firmata dal direttore del Dis, Giampiero Massolo, nella quale è spiegato che su via Nazionale l’esecutivo conferma il segreto di Stato.

La sentenza di proscioglimento del gup Carla Giangamboni, che il 1° febbraio 2013 pronunciò il «non luogo a procedere», era stata impugnata dalla procura generale di Perugia, la quale ha vinto il braccio di ferro in Cassazione facendo tornare il fascicolo in Umbria sulla scrivania di un altro giudice, Andrea Claudiani. C’è di più: la Sesta sezione ha anche condannato a mille euro di ammenda e al pagamento delle spese processuali quattro «schedati»: si tratta di Cornelio Veltri (ex deputato dell’Idv, già socialista lombardiano e dipietrista della prima ora, autore di saggi su Bettino Craxi e Silvio Berlusconi), Libero Mancuso (giudice di Bologna), Andrea Cinquegrani e Rosa Rita Pennarola (giornalisti della Voce della Campania). Scrive il presidente Giovanni De Roberto: «I loro ricorsi sono inammissibili. Dicono di essere stati danneggiati dal reato di peculato, ma non rivestono la qualità di persone offese da quel reato (riservato alla pubblica amministrazione, ndr)».


Dopo aver rigettato l’istanza dell’avvocato Nicola Madia sull’incompetenza territoriale – la difesa avrebbe voluto trasferire il processo a Roma – il giudice Claudiani ha interrogato stamani il generale Pollari che, però, si è trincerato dietro il segreto di Stato. Per questo motivo il magistrato chiederà al presidente del Consiglio, Matteo Renzi le ragioni per cui permane il segreto.

L’ufficio riservato di via Nazionale, al civico 230, è stato scoperto nel 2006 dalla Digos di Milano, durante le indagini sul sequestro dell’imam egiziano Abu Omar. Le due vicende, collegate, hanno ricevuto negli anni il timbro del segreto di Stato da parte di cinque governi di colore diverso: Prodi, Berlusconi, Monti, Letta e, oggi, Renzi. Nei giorni scorsi il pm Massimo Casucci, durante la requisitoria del processo a Pio Pompa al quale vennero trovati a casa hard-disk e Dvd contenenti informazioni «sensibili» e contro il quale sono stati chiesti quattro anni e mezzo di reclusione, a proposito dei dossier ha spiegato che «alcune persone erano state attenzionate soltanto in quanto possessori di idee».

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Segreto di Stato - Il caso Nicolò Pollari - Download

Scarica l'Instant Book "Segreto di Stato - Il caso Nicolò Pollari"

Caso Abu Omar: la verità di Niccolò Pollari

Dieci anni dopo il sequestro di Abu Omar, la prima ricostruzione che fa luce sulle troppe ombre di un clamoroso caso politico

La condanna a Pollari era un errore 'filosofico'

La Cassazione lo ha oggi assolto per questi motivi di cui parlavamo un anni fa nel giorno della condanna di secondo grado. Era la difesa della filosofia del segreto di Stato

Sismi: rischiano ancora un processo Nicolò Pollari e Pio Pompa

Un anno fa erano stati prosciolti per il caso degli archivi di via Nazionale. Ma la procura di Perugia ha presentato ricorso in Cassazione

Commenti