Redazione

-

È a Bologna Matteo Renzi quando lo avvisano da Roma che Ignazio Marino ha finalmente lasciato. Una distanza, anche plastica, da una figura dalla quale da mesi il premier ha preso le distanze, chiudendo i rapporti e decretando la sua incapacità politica.

Ora pur consapevole delle difficoltà, il leader dem ha deciso che Roma andrà al voto in primavera ed è già al lavoro per trovare a breve il candidato migliore.   

- LEGGI ANCHE: IGNAZIO MARINO VITTIMA DI SE STESSO

- LEGGI ANCHE: TUTTE LE SPESE DUBBIE DI IGNAZIO MARINO
- LEGGI ANCHE: LA STORIA DI MARINO IN 30 FOTO
- LEGGI ANCHE: L'ULTIMA BUGIA DI IGNAZIO MARINO

- LEGGI LA LETTERA CHE MARINO HA SCRITTO AI ROMANI

Sulle incapacità amministrative di Marino Renzi non aveva dubbi da mesi. Ma, raccogliendo le pressioni di Matteo Orfini, aveva deciso di tenere a galla il sindaco di Roma, puntellandolo con il ruolo di Franco Gabrielli per il Giubileo e del vicesindaco Marco Causi.

"Fino a 10 giorni fa - raccontano i fedelissimi del segretario dem - si poteva pensare di tenerlo fino a febbraio per chiudere la finestra del voto delle amministrative di primavera e andare al voto ad ottobre 2016. Ma tra la storia del Papa e gli scontrini ormai non ne faceva più una giusta, tutto quello che toccava diventava gaffe e polemiche".

Il rammarico di Renzi

Casi, piccoli e grandi, che hanno trasformato una vicenda locale in un danno di immagine nazionale, tra prime pagine dei giornali e servizi dei tg, con inevitabili riflessi sul Pd.

Inaccettabile, quindi, per il premier andare avanti oltre: "Renzi non è interessato a mettere becco in vicende locali a meno che non impattano sul lavoro che sta facendo il Pd ed il governo", spiegano i dem riferendo il rammarico del premier per non aver suonato mesi fa il gong e di aver dato retta al presidente Pd che ha sbagliato valutazioni politiche sulle possibilità di rilancio della capitale.

Una campagna elettorale difficilissima

Ora, però, si apre una fase di scelte delicatissime. "Sarà una campagna elettorale - ammettono ai vertici del Nazareno - in cui avremo tutti contro, pronti a sparare a zero contro di noi come se fossimo stati noi a scegliere Marino a Roma e per di più mentre si svolgerà il processo per Mafia Capitale e forse non l'unico".

Per questo Renzi non ha intenzione di perdere tempo nella scelta del candidato, o della candidata, con le spalle più grosse per affrontare mesi di battaglia elettorale.

I primi sondaggi e valutazioni sono già partiti. E i profili sono i più vari anche se è noto che il leader Pd preferisce candidati politici e non della società civile o tecnici perchè, ripete, "la politica deve assumersi le sue responsabilità". Tra i nomi in pista c'e' quello del ministro della Pubblica Amministrazione Marianna Madia, romana, da anni in politica e "la prima - ricordano al Pd - che denunciò irregolarità nelle votazioni alle primarie". Una donna, inoltre, e si sa che il leader Pd tiene molto a sostenere la parità di genere.

Da mesi gira il nome di Roberto Giachetti, che conosce sì bene Roma ed ha il pregio di uno che non si fa intimidire dagli attacchi per il suo passato radicale. "Ma bisogna elevarsi di livello", è la considerazione che gira ai vertici dem.

Molto stimato da Renzi è lo stesso Gabrielli ma la sua candidatura viene esclusa dai più sia perchè il prefetto sarà impegnato a gestire il Giubileo sia perchè sembra che il super-poliziotto abbia ambizioni non politiche per il suo futuro.

Un'altra ipotesi per risollevare l'immagine del Pd sotto il profilo della legalità è quella del commissario dell'Anticorruzione Raffaele Cantone ma nel toto-nomi non vengono esclusi neanche politici esperti di Roma come Paolo Gentiloni o, se si decidesse di guardare nella società civile, il presidente del Coni Giovanni Malagò.

© Riproduzione Riservata

Commenti