Berlusconi su Libero: "Se mi condannano vado in cella"

E' quanto ha dichiarato il leader del centrodestra alla vigilia della sentenza della Cassazione sul processo diritti tv Mediaset

Silvio Berlusconi, alla vigilia della sentenza della Cassazione (Credits: ansa)

Silvio Berlusconi si confessa in una chiacchierata con il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, alla vigilia della sentenza della Cassazione per il processo sui diritti tv Mediaset.

Il leader Pdl spera che la strategia dell’avvocato Franco Coppi , che affianca Niccolò Ghedini, possa dare i suoi frutti. In appello era arrivata una condanna a 4 anni di reclusione (di cui tre coperti da indulto) e 5 anni di interdizione dai pubblici uffici: “Se mi condannano sono pronto ad andare in cella – ammette Berlusconi - ma voglio proprio vedere se mi condannano. Non possono, sono innocente”. L’attesa crescere, la Cassazione si pronuncerà intorno alle 11 del mattino: “Non accetterò i lavori socialmente utili - conclude Berlusconi – vediamo se hanno il coraggio di sbattermi in cella”.

Leggi il resto dell'articolo

© Riproduzione Riservata

Commenti