News

Il pianto dei piccoli samurai

In Giappone si lasciano i bambini in lacrime tra le braccia dei lottatori di sumo per temprarne il carattere

Nel paese del Sol Levante è iniziato il Festival di Nakizumo. Mamme e papà provenienti da ogni angolo del paese si recano al Tempio Sensoji di Tokyo per lasciare che i figli siano presi in braccio da lottatori di sumo alle prime armi e stuzzicati fino a farli piangere. Convinti che la sofferenza che proveranno tra le loro braccia li aiuterà a vivere una vita lunga e serena.

Junko Kimura/Getty Images

Al grido di "Naki! Naki! Naki!" (in italiano, piangi! piangi! piangi!) tanti bambini già piangono, ecco perché raramente il vincitore del festival è il neonato che scoppia in lacrime prima degli altri, mentre viene premiato il piccolo che urla più forte.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti