Norman Atlantic: i dispersi che nessuno cerca più

Parla Mario Balzano, figlio di Carmine, uno dei due camionisti italiani scomparsi nel naufragio: "Vogliamo risposte e che le ricerche continuino"

norman-atlantic-naufraghi-volti7

Passeggeri del Norman Atlantic vengono rifocillati all'aeroporto di Elefsina, Atene, 29 dicembre 2014 – Credits: EPA/YANNIS KOLESIDIS

Eleonora Daniele

-

La sensazione che sulla vicenda "Norman Atlantic" si cerchi di
 "spegnere" – dopo gli incendi - anche la verità, sembra ormai una
 certezza.
 Parla Mario, il figlio di Carmine Balzano, uno dei due camionisti
 italiani dispersi quella notte:


"L'ultima telefonata di papà è arrivata fra le 3 e le 4 di mattina. Assicurò mia madre che si era messo in salvo dopo l'incendio della nave, salendo su una scialuppa. Anzi, parlò di una zattera di salvataggio. 
Il principale di mio padre gli parlò al telefono alle sei, lui stava ancora in 
mare. Abbiamo provato a richiamare, ma in un primo momento 
rispondeva la segreteria greca, poi scattava il gestore italiano.
 Di mio padre, più nessuna traccia.

Nessuno parla. Dopo aver sentito una superstite dichiarare di essere stata quattro ore in mare con altre persone, l'abbiamo contattata. Ha negato tutto! Non so perché, forse su consiglio degli avvocati. Era andata in Grecia dalla Svizzera per trovare dei parenti.
 Qui nessuno ci dice nulla, non ne comprendiamo i motivi, la
 capitaneria di porto non ci risponde da due giorni. 
Abbiamo fatto tutte le denunce possibili per richiedere la localizzazione
 del telefono: ci hanno contattato il 7 gennaio, ma senza fornirci risposte.


Quella notte il personale di bordo doveva aspettare di mettere tutti i passeggeri in salvo, invece molti membri dell’equipaggio hanno pensato solo a se stessi. 
Ci sentiamo soli, abbandonati dalle istituzioni, troppo silenzio.
 Chi vuole nascondere cosa? Perché nessuno si sta interessando 
di questa vicenda? Dov'è mio padre?
 All'appello manca una zattera si salvataggio. Erano sette in tutto: tre hanno preso fuoco e le altre le hanno ritrovate in mare.

Nell’ultima telefonata, mio padre raccontava che vedeva le luci della costa albanese, che si trovava con altre persone e che stavano aspettando qualche soccorso.
 E se fosse ancora sotto shock, disperso da qualche parte? Se avesse visto altre persone morire?
 Se non riuscisse a mettersi in contatto con noi?
 Non voglio pensare che sia morto. Troppo dolore per noi figli e per nostra madre. Vogliamo risposte. Si continui a cercare".


È vero quello che mi racconta Mario? E cioé che quella notte il
 responsabile dell'evacuazione si sarebbe calato in mare con
 una scialuppa carica solo per metà, pur di mettersi in salvo lui, alla
 maniera del comandante Schettino? Di chi sono le responsabilità di questa tragedia? 
Norman Atlantic aveva i permessi per navigare? Le porte taglia
fuoco non erano a norma, il sistema antincendio non ha 
funzionato e i sommozzatori raccontano che le alette di stabilità 
dovevano essere aperte invece sono state ritrovate chiuse (una
 aperta solo per metà).

I soccorsi sono stati adeguati?
 Mario Balzano lancia il suo appello: "Chiedo alle autorità di competenza di mettere a disposizione tutti i mezzi e le forze per la ricerca dei dispersi. Vorrei una maggiore disponibilità a tenerci informati da parte dell'Albania e Grecia, a non abbandonarci nel silenzio più assoluto in cui siamo rimasti da quel maledetto 28 dicembre. Abbiamo mandato una 
lettera al Papa, a Renzi e a Napolitano, con la quale chiediamo solidarietà in quando cittadini italiani. Qualsiasi persona al corrente dei fatti può contattarci anche in forma anonima... abbiamo aperto anche una pagina Facebook... 
In questo momento, avrei solo un desiderio: vorrei avere una 
bacchetta magica per diventare il capitano di una lussuosissima
 barca… e avere a bordo i parenti delle 15 persone più importanti
 e potenti d'Italia... e scomparire improvvisamente nel nulla per 16 
lunghissimi giorni… e guardare cosa succederebbe, quali mezzi metterebbero in azione per ritrovarli e far rivivere loro il nostro stesso dramma”.


Aspettiamo, caro Mario, di sapere quello che racconterà la scatola nera
 della nave al pm Ettore Cardinali. E intanto, si continui a cercare.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Norman Atlantic, i volti dei naufraghi - foto

Negli aeroporti e nei porti, stremati dall'esperienza della notte sul traghetto in fiamme e dall'emozione del salvataggio

Norman Atlantic: la verità sul disastro nella scatola nera

Il relitto ormeggiato nel porto di Brindisi: secondo il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, i dispersi non sarebbero più di 15

Verità e bugie sulla Norman Atlantic

"La nave era nella white list". Per la Confederazione degli Armatori ci sono troppe false notizie a proposito del traghetto: danneggiano l'intero settore

Norman Atlantic: a bordo anche tanti clandestini

Sul traghetto in fiamme al largo di Corfù c’erano più passeggeri di quelli dichiarati, diversi dei quali nascosti nelle stive

Norman Atlantic come il Moby Prince

Differenze e analogie con il disastro navale avvenuto davanti a Livorno 23 anni fa e nel quale morirono bruciate 140 persone. "Renzi, adesso la verità"

Norman Atlantic, inclemente specchio dell'Italia

Non sappiamo quanti passeggeri ci fossero né quanti i morti. Il governo ha cinguettato quando era facile farlo. I militari il meglio del paese

Commenti