Musica

Scissors Sister, la band che accende Bono e Lady Gaga

Dai gay club di New York alla Top 10: su Panorama l’irresistibile ascesa dei nuovi eroi della musica dance

Pantaloni attillati, maglietta di raso, parrucca bionda e "Frustami Houston" come nome d’arte. La prima volta sul palco della scuola di Jake Shears, oggi leader degli Scissors Sister, finì a sputi e gavettoni. Ai compagni mormoni del liceo newyorkese non piacque la sua storpiatura in falsetto del classico di Whitney, I will always love you.

Jake non si perse d’animo e replicò lo show in un gay club di Manhattan dove l’avevano assoldato come go-go dancer. Lì s’inventò gli Scissors Sister, la disco-pop band che gli ha cambiato la vita.

"Siamo l’incontro tra la Febbre del sabato sera, i Duran Duran e la musica elettronica" spiega orgoglioso Shears. Gli sponsor del suo gruppo si chiamano Bono ("Una delle più grandi pop band di sempre") e Lady Gaga ("Li ho chiamati per aprire i miei concerti, sono troppo cool").

Bollati come meteore dalla critica, hanno appena tagliato il traguardo del quarto disco (Magic Hour) e conquistato tutte le radio con il tormentone Only the horses. "Il prossimo passo è l’assalto alla Torre di Londra. Ci esibiremo ai suoi piedi il 21 luglio come ospiti di un grande evento preolimpico" anticipa Shears, che da settimane è al lavoro per scovare un look all’altezza. "Ci ispireremo all’abito tradizionale dei guardiani della torre, i famosi Beefeaters, chiamati così perché, nel Medioevo, il loro stipendio comprendeva una razione abbondante di carne di manzo. Speriamo non ci paghino in natura, perché non amo le bistecche".  

Ti potrebbe piacere anche