Addio mass market, nella musica vince la nicchia
Addio mass market, nella musica vince la nicchia
Musica

Addio mass market, nella musica vince la nicchia

La rivoluzione parte dall'alto, dagli U2 ai Pearl Jam. Dischi spediti a casa, tempi di uscita dei cd rivoluzionati e concerti da scaricare subito: le nuove regole del pop rock

Un doppio cd live consegnato a domicilio, accompagnato da un elegante booklet fotografico e da poche righe che ne sottolineano l’esclusività: "Questo album è a tiratura limitata e non sarà mai in vendita nei negozi". Ha l’imprinting degli U2 la frontiera più avanzata del music marketing che cambia per non morire.

Una rivoluzione che parte dall’alto, dalle band-brand più famose del mondo e che ha il suo punto di forza nella costruzione di un rapporto senza intermediari tra artista e fan: A 22 track live collection from U2360° lo ricevono solo gli iscritti a U2.com che hanno versato 50 dollari per l’iscrizione annuale. Target dell’operazione, e sta proprio qui la novità, non è più il mass market, bensì la nicchia rassicurante dei fan più fedeli, alla ricerca di contenuti esclusivi e dedicati.

Esattamente in questa direzione si stanno muovendo icone rock come Red Hot Chili Peppers e Pearl Jam che, attraverso il sito Livedownloads.com, rendono scaricabile, a poche ore dalla conclusione dello spettacolo, la registrazione integrale del loro concerto (9,90 dollari è il prezzo del singolo show). Un’abile strategia per fare cassa e per mettere la parola fine al mercato delle registrazioni dal vivo illegali (i cosiddetti bootleg) vendute a prezzi che oscillano tra i 15 e i 30 dollari.

Obiettivo di questo nuovo marketing musicale è limitare i danni causati dal crollo delle vendite del cd tradizionale, mandato in soffitta dalla pirateria e dal boom dello streaming, cioè la possibilità di ascoltare qualsiasi brano su piattaforme come Youtube senza nemmeno fare lo sforzo di scaricarlo. In questo contesto, cambiare prospettiva e approccio diventa vitale per la sopravvivenza stessa del music business. Lo schema commerciale disco-tour-due anni di riposo appartiene ormai all’archeologia.

Una manciata di canzoni nuove ogni 24 mesi corredate da interviste e videoclip non basta più: la velocità della rete impone un cambio di passo. Lo hanno intuito per primi Neil Young e i Green Day: uno ha inciso due album in poche settimane, i secondi, fra il 25 settembre e il 13 gennaio 2013, pubblicheranno per la Warner tre dischi inediti, concentrando così in 5 mesi un progetto che in altri tempi sarebbe stato spalmato in cinque-sei anni. Un azzardo? "No, abbiamo spalancato la porta al futuro" sostiene il cantante del gruppo, Billy Joe Armstrong. Che aggiunge: "O si cambia o si muore".

Leggi Panorama online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti