Ufficio stampa
Musica

Giornata della Memoria: all'Auditorium di Milano le opere vietate dai nazisti

Questa sera laVerdi rende omaggio, con i suoi solisti, ai compositori perseguitati nella Germania di Hitler


Oggi si celebra la Giornata internazionale di commemorazione delle vittime dell’Olocausto. LaVerdi di Milano si unisce al ricordo con un concerto straordinario (ore 20.30) all'Auditorium di Milano in largo Mahler, che rappresenta un omaggio a cinque compositori le cui opere furono messe al bando dal Partito Nazista come esempio di arte degenerata: Ernst Krenek, Kurt Weill, Erwin Schulhoff, Gideon Klein, Hans Krasa.

Mentre Krenek, austriaco, e Weill, tedesco, riuscirono a lasciare la Germania per fuggire in America, gli altri tre furono internati nei campi di concentramento dove persero la vita: Schulhoff (compositore e pianista cecoslovacco morto nel lager di Weißenburg nell’agosto 1942); Klein (pianista e compositore cecoslovacco, organizzatore della vita culturale nel campo di concentramento di Theresienstadt, morto in circostanze poco chiare durante la liquidazione del campo Fürstengrube nel gennaio 1945); Krasa (compositore cecoslovacco morto ad Auschwitz all’età di 45 anni).

Il programma prevede un brano per oboe e pianoforte di Krenek (Two themes from Haendel), un trio per violino viola e violoncello di Klein (Kaddish) e tre quartetti d’archi (Krasa, Schulhoff e Weill).

Il Programma

E. Krenek Two Themes From Haendel for Oboe & Piano

E. Schulhoff String Quartet N° 1

G. Klein Kaddish

H. Krasa Quartetto d’archi

K. Weill String Quartet No. 1, Op. 8

 

I Solisti de laVerdi

Violini I Luca Santaniello, Nicolai Freiheer Von Dellingshausen

Violino II Lycia Viganò

Viola Gabriele Mugnai

Violoncello Tobia Scarpolini

Oboe Luca Stocco

Pianoforte Carlotta Lusa

Ti potrebbe piacere anche