News

Miracolo: così Montezemolo unisce Berlusconi e Casini

La lista di Lcdm è già pronta. E minaccia Pdl e Udc. Che tornano a parlarsi. Con Cordero a fare da mediatore. Su Panorama

Alla maniera delle belle donne, gioca a fare il ritroso in pubblico salvo poi ammiccare in privato. D’altronde, nel centrodestra italiano, Luca Cordero di Montezemolo è forte dell’assenza di alternative alla sua discesa in campo. L’uomo può perciò permettersi di respingere qualsiasi proposta indecente. Una gliel’ha fatta Pier Ferdinando Casini, più o meno la seguente: «Caro Luca, per me tu sei il candidato premier del terzo polo». E Montezemolo, furbo: «Bene, allora preparo la lista». Ma no, «sarebbe un errore» ha replicato Casini «tu devi essere per noi quello che Romano Prodi fu per l’Ulivo: uno fuori dai partiti». Controreplica di Lcdm: «Sì, ma lui aveva possibilità di vittoria. Così io perderei e tu eleggeresti i parlamentari».

È scontato: la lista di Italia Futura, l’embrione di partito montezemoliano, prosciugherebbe il consenso dell’Udc. E minerebbe quello del Pdl. Non a caso Silvio Berlusconi ha fatto a Lcdm un’offerta simile. E, sempre non a caso, lui l’ha rifiutata. La lista di If, peraltro già redatta nei suoi nomi principali da Carlo Calenda, il Gianni Letta di Lcdm, rimane dunque lì a minacciare il centrodestra. E a unire nella debolezza, dopo molte durezze reciproche, Casini e Berlusconi, con Montezemolo mediatore interessato.

Alla sua lista potrebbe infatti rinunciare solo in veste di candidato di una grande coalizione di centrodestra, privata delle estreme, che i principali sostenitori di If rifiutano. Allora sì che lanciare il Prodi dei moderati potrebbe risultare un buon affare per tutti. Un Prodi col ciuffo, va da sé.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti