Ecco dove nasce la corruzione

Le tangenti sul Mose non dicono nulla di nuovo. E' un male che parte dalla testa, la nostra

– Credits: Marco Luzzani/Getty Images

Marco Ventura

-

L’altro giorno mi sono messo in fila al bar per pagare un caffè e cornetto quando è arrivato un tale ben vestito che dando l’impressione di non aver visto che c’era una fila (ma non vederci era impossibile) ha elencato alla cassiera, spiccioli alla mano, quello che aveva consumato. Il tutto con un sorriso a occhi bassi di conciliazione col mondo. La cassiera ha iniziato a farlo pagare, e siccome ho protestato, è stata lei a dire subito: “Scusate, è colpa mia”. Dopo qualche secondo, il tale pretendeva anche di non aver fatto brutta figura: “Non penserà che non volevo fare la fila, mi manderà mica il cornetto di traverso...”. E la cassiera, complice: “Eh, il signore è sempre corretto”… Come il caffè.

Perché racconto questo episodio minimo e così diffuso? Perché risiede qui, in questa disinvolta trasgressione delle regole in nome di qualche potere, dell’amicizia e della convenienza, il terreno fertile della corruzione piccola e grande. L’hanno scritto in tanti: non sarà certo l’inasprimento delle pene o l’aggiunta di nuove regole a sconfiggere le mazzette.

La complessità del sistema aiuta i furbi, non gli onesti. Il problema è nelle nostre teste. E dico “nostre” comprendendo la mia. Anch’io ho trasgredito a qualche regola, anch’io ho approfittato di qualche vantaggio personale, non importa se su scala piccola o grande e con quali giustificazioni. Sono anch’io andato alla ricerca di qualche corsia preferenziale. 

Quanti di noi possono dirsi puri? Sarà il sistema, la necessità di difendersi dalle ingiustizie, il merito che in Italia conta meno di zero e “non c’è altro modo”. Sta il fatto che la società italiana è corrotta, il “magna magna” che va in scena a ogni grande evento (praticamente nessuno escluso) è solo la finale del campionato italiano della corruzione che si gioca ovunque, ogni giorno, su ogni campo e campetto. E non c’è argine o diga che tenga, per restare al Mose. 

La collocazione dell’Italia nella classifica della corruzione tra i paesi del G7, della UE, e del mondo, è solo lo specchio di una realtà che ha invaso il quotidiano. Chi è senza peccato scagli la prima pietra. Perché non c’è poi una differenza concettuale tra il piccolo favoritismo, la piccola scorrettezza o scortesia, e la grande corruzione. Soltanto dal mea culpa può scaturire la necessaria rivoluzione culturale: il disgusto per i comportamenti scorretti e l’intolleranza verso chi trasgredisce. Solo così sarà possibile riconquistare un senso della comunità. E il primato del merito. 

La corruzione si combatte anche come fanno in America, recitando ogni mattina il giuramento alla bandiera.  

© Riproduzione Riservata

Commenti