campidoglio
ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images
campidoglio
News

Mafia Capitale: cade l'aggravante del metodo mafioso

La corte d'appello di Roma ha riconosciuto il solo reato di corruzione per Emilio Gammuto e ridotto le pene anche per gli altri tre imputati

Cade il metodo mafioso in appello per il primo condannato nel processo a Mafia Capitale. Lo hanno deciso i giudici della terza corte d'Appello di Roma per Emilio Gammuto, collaboratore di Salvatore Buzzi al quale hanno ridotto la pena da 5 anni a 4 mesi a tre anni eliminando l'aggravante del metodo mafioso e riconoscendo invece il solo reato di corruzione.

I giudici d'Appello in riforma della sentenza precedente hanno ridotto le pene anche per gli altri tre imputati: scende a 2 anni e otto mesi per usura la condanna per Raffaele Bracci e Fabio Gaudenzi, vicini a Massimo Carminati che in primo grado erano stati condannati a 4 anni. Per Emanuele Salvatori, ex responsabile comunale del piano nomadi, la condanna scende a 3 anni per corruzione rispetto ai 4 anni del primo grado. Emilio Gammuto, unico in primo grado ad essere stato condannato con l'aggravante del metodo mafioso ora caduta, era stato giudicato in primo grado con rito abbreviato.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti