M5 Stelle: adesso nel mirino c'è L'Unità
M5 Stelle: adesso nel mirino c'è L'Unità
News

M5 Stelle: adesso nel mirino c'è L'Unità

Dopo il voto di fiducia al governo sul Dl emergenze, anche il presidente della Commissione vigilanza Rai Roberto Fico ribatte con durezza alle accuse del quotidiano

Beppe Grillo esulta e i Cinquestelle rialzano almeno per il momento la testa dopo giorni in cui si parlava di loro solo per le liti sulla diaria e per le espulsioni. Oscurano la Lega Nord, maestra dell’ostruzionismo parlamentare, e costringono a far mettere il primo voto di fiducia al governo di larghe intese di Enrico Letta e Angelino Alfano.

Il ministro Dario Franceschini minimizza con Panorama.it: "Non credo fosse una cosa calcolata per ricompattarsi tra loro, e comunque l’hanno fatta su un decreto che riguarda la gente da vicino, la cosa si commenta da sola...".

Ecco la replica di un pentastellato di rango, presidente della commissione di Vigilanza Rai.

Onorevole Roberto Fico (ritenuto tra i più vicini a Beppe Grillo e a Gianroberto Casaleggio ndr), voi sarete contenti, ma vi accusano di averlo fatto sulla pelle dei terremotati perché in quel decreto ci sono proprio  le risorse per le zone colpite dal sisma in Emilia. Come risponde?
Questo lo ha scritto solo l'Unità... invece di occuparsi di Silvio Berlusconi e delle sue vicende giudiziarie, prende di mira noi. L'Unità è un giornale che gode dei finanziamenti pubblici...

Sì, ma i terremotati?
L’Unità è un giornale che fa schifo...

Lo dice anche Grillo dal blog. Ma guardi che la potrebbero querelare. E poi lo dite proprio voi che siete ritenuti più a sinistra che a destra?
Lo scriva pure.

Grillo ha detto che la Rai è un bene pubblico, non è una contraddizione rispetto a quando dicevate che andava venduta?
Che è un bene pubblico e una grande risorsa l’ho detto pure io. E ne sono convintissimo. Altra cosa è mettere le reti sul mercato, valorizzandole, in modo redditizio e concorrrenziale, ma in un quadro completamente cambiato e cioè con una vera legge sul conflitto di interessi e l’antitrust.

Abolizione della legge Gasparri?
Ritorno a un quadro di legalità.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti