Cronaca

Cesare Battisti confessa quattro omicidi

La confessione potrebbe servire a garantire al terrorista uno “sconto di pena”: dall’ergastolo a 30 anni di reclusione. Così da ottenere benefici

Cesare Battisti Italia terrorista Ciampino aereo

Maurizio Tortorella

-

Dopo 37 anni di latitanza Cesare Battisti, il terrorista dei Pac, ha confessato ha ammesso tutte le accuse contro di lui: ha dichiarato di aver partecipato ai due omicidi di cui era stato condannato come esecutore materiale e di aver avuto un ruolo anche negli altri due, per i quali è stato riconosciuto il mandante.

Interrogato sabato 23 e domenica 24 marzo nel carcere di Oristano dal procuratore aggiunto di Milano, Alberto Nobili, e dalla dirigente dell'Antiterrorismo della Digos, Cristina Villa, Cesare Battisti avrebbe finalmente riconosciuto le sue responsabilità.

Alla presenza del suo avvocato, Davide Steccanella, il terrorista dei Proletari armati per il comunismo avrebbe riconosciuto la sua responsabilità nella morte del maresciallo degli agenti di custodia Antonio Santoro, ucciso a Udine il 6 giugno 1978; in quella del gioielliere milanese Pierluigi Torregiani e del macellaio mestrino Lino Sabbadin, che militava nel Msi, entrambi uccisi il 16 febbraio 1979 da gruppi di fuoco dei Pac; e in quella dell'agente della Digos Andrea Campagna, freddato per strada a Milano il 19 aprile 1978.

Battisti si era finora sempre dichiarato innocente. Lo scopo della tardiva confessione è, probabilmente, quello di arrivare a contrattare con l’accusa una riduzione della pena. Per i quattro omicidi, infatti, Battisti è stato condannato all’ergastolo. La sua difesa ha chiesto una riduzione di pena a 30 anni per poter ottenere i benefici di una pena alternativa entro qualche tempo

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

L'amnesia di Carla Bruni: "Battisti, chi?"

Dopo averlo difeso, e forse aiutato, per anni oggi la modella-cantante e moglie di Sarkozy prende le distanze dal terrorista dei Pac

Battisti, giustizia è fatta, finalmente

L'editoriale del direttore di Panorama nel numero in edicola questa settimana dedicato alla cattura del terrorista latitante

I Pac e Cesare Battisti: due anni di sangue (1978-79)

Dai collettivi autonomi del quartiere della Barona alle rapine. Poi gli omicidi Santoro, Sabbadin, Torregiani e Campagna tra il 1978 e il 1979

Latitanti e contenti. Gli "altri" Battisti

Terroristi rossi e neri, assassini che non hanno mai pagato. Ma si sono rifatti una vita in giro per il mondo

Chi ha protetto Cesare Battisti

Amici nelle istituzioni in Brasile e Francia, amici intellettuali. Ecco chi ha protetto in questi anni Battisti

Commenti