Che brutte sorprese nell’uovo di Beppe...
Getty
Che brutte sorprese nell’uovo di Beppe...
News

Che brutte sorprese nell’uovo di Beppe...

Il gruppo autonomo dei fuoriusciti al Senato nascerà durante le ferie. Mentre continuano i contatti dei dissidenti con Civati e Pizzarotti

E' stata una Pasqua amara per Beppe Grillo. Dopo lo scivolone sulla Shoah, nell’uovo del comico c’è una sorpresa più o meno inaspettata: la nascita di un nuovo gruppo parlamentare. Costituito da chi? Dai senatori usciti o cacciati dal Movimento 5 stelle.

Tra espulsi e dimessi, gli ex pentastellati iscritti al gruppo misto sono 14. Dopo molte e accese discussioni sono ora a un passo dalla svolta, tanto è vero che già circolano le bozze dello Statuto del neogruppo. Il documento è ambizioso, al punto di tentare di superare le défaillance mostrate finora dal Movimento. È in lavorazione, per esempio, un sito internet capace per davvero di consentire ai cittadini di partecipare alle scelte del gruppo parlamentare, una promessa annunciata e mai mantenuta da Grillo. Il progetto è nelle mani del senatore Fabrizio Bocchino ed è registrato sotto il nome (per ora provvisorio) di www.italialavoriincorso.it.

Tra gli espulsi, non sembrano intenzionati a partecipare alla partita soltanto in due, Marino Mastrangeli e Adele Gambaro. Per il resto, con Bocchino, sono in predicato di passare al costituendo nuovo gruppo tutti gli altri epurati: Bartolomeo Pepe, Francesco Campanella, Luis Orellana, Alessandra Bencini, Paola De Pin. E, ancora, Lorenzo Battista, Monica Casaletto, Laura Bignami, Maurizio Romani, Fabiola Anitori e Maria Mussini. Tra l’altro, proprio la Mussini rimane vicina a Federico Pizzarotti, il sindaco di Parma ripetutamente scomunicato dal Beppe nazionale, l’ultima volta per le critiche sul sistema di selezione dei candidati grillini per le europee. Ecco, Pizzarotti continua a frequentare politicamente la Mussini, la quale, a sua volta, ha incontrato più volte il democratico Pippo Civati. E non solo lui.

Insomma: sulle potenziali scissioni pentastellate c’è sempre un gran chiacchierare poiché sono tanti i parlamentari che ormai mal sopportano il dirigismo del comico e (soprattutto) del guru Gianroberto Casaleggio. Il comico-leader ha anche invitato il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, a mediare con il sindaco di Parma. Ma risultati non ne ha ottenuti, se non una telefonata tra Grillo e Pizzarotti che ha temporaneamente calmato le acque. Ma solo ufficialmente: fonti qualificate riferiscono di un Grillo furibondo con il suo (ex?) sindaco. Che pare gli abbia fatto andare l’uovo di traverso.

Leggi Panorama Online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti