Londra inaugura il primo supermarket per poveri
Oli Scarff - WPA Pool/Getty Images
Londra inaugura il primo supermarket per poveri
News

Londra inaugura il primo supermarket per poveri

Il "negozio sociale" ha aperto i battenti nello Yorkshire e vende il cibo in surplus delle grandi catene con il 70 per cento di sconto

E' vero che la Gran Bretagna sta uscendo dalla crisi economica, ma se alla City di Londra si comincia timidamente a festeggiare, nella provincia più profonda del regno di Sua maestà si continua a fare la fame, e non è una metafora. Nei piccoli centri, dalle aree rurali a quelle industriali, arrivare a fine mese per le famiglie è tuttora un'impresa da equilibristi e spesso e volentieri il frigorifero resta vuoto.

Per questo motivo è stato appena inaugurato a Goldthorpe, nei pressi di Barnsley nello Yorkshire del Sud, il primo "supermarket sociale" dedicato ai nuovi poveri. Cibo e bevande provengono dal surplus delle grandi catene di distribuzione e hanno un prezzo scontato del 70 per cento. Il negozio è il primo ad aprire i battenti nel Regno Unito e funge da progetto pilota, nell'ottica di realizzare in futuro altri centri in tutto il Paese. 

Il Community Shop (letteralmente il negozio della comunità) è un nuovo passo avanti sulla strada della distribuzione discount, basata finora su prodotti senza logo o che presentano imperfezioni nel confezionamento e via discorrendo, e che per questo possono essere acquistati a prezzi inferiori.

Ma il supermercato per poveri va oltre il semplice discount, ed è proprio questa la sua novità. I prodotti venduti costeranno sette volte meno di quelli che si trovano sugli scaffali delle grandi catene, ma sono praticamente identici e non presentano imperfezioni. Solo qualche data di scadenza più ravvicinata. Va detto che il negozio non è un centro di distribuzione gratuita di alimenti, i clienti passano alle casse e pagano (anche se poco), e in questo modo anche le persone in difficoltà sentono di poter preservare la propria dignità. Cosa non da poco.

Ovviamente, per evitare l'arrivo a frotte di consumatori che vogliono acquistare alimenti a prezzi stracciati, non tutti potranno accedere alle casse del supermercato sociale di Goldthorpe, che è una delle aree più povere del Paese.

In questa prima fase del progetto potranno fare la spesa solo gli abitanti di determinate aree della città, in base alla loro residenza e a un certificato che attesta che sono già coperti da sussidio di Stato. In futuro il governo prevede l'apertura di nuovi centri anche in altre aree "depresse", non da ultimi alcuni quartieri di Londra, ma per ora tutti gli occhi sono puntati su Goldthorpe. 

Oltre al cibo a basso costo, il negozio della comunità offrirà anche programmi di sostegno finanziario per le famiglie in difficoltà e corsi su come gestire il budget mensile e su come cucinare sprecando meno. Insomma, il Regno Unito sta superando la crisi, ma intanto si addestra a una nuova etica del consumo, bandendo gli sprechi e andando "alla sostanza", con buona pace della Big Society tanto sognata dal premier David Cameron

Ti potrebbe piacere anche

I più letti