Genitali tridimensionali, pallavoliste-manga, bile di orso e altre storie che vengono dall'Asia

Se in Giappone l'esibizionismo più pruriginoso viene punito con l'arresto, la carriera della pallavolista kazaka rischia di essere compromessa per eccesso di fan

Claudia Astarita

-
 

In Cina la propaganda cambia volto, gli orsi smettono di essere perseguitati, e probabilmente anche la "cura perfetta" per gli omossessuali verrà bandita. Sempre in Oriente, una ragazza giapponese che cercava di accumulare fondi vendendo immagini tridimensionali della propria vagina è stata arrestata, e lo stesso è capitato a un'altra ragazzina che, però, ha ucciso una coetanea perché "sentiva il bisogno di farlo". Infine, la carriera di una bellissima pallavolista kazaka rischia di essere compromessa per eccesso di fan, mentre in Australia sono cadute le accuse nei confronti di una donna la cui furia anti-cinese appena un paio di settimane fa ha fatto il giro del web.

© Riproduzione Riservata

Commenti