L’EXPO, il Mose & The Italian Job
Ansa
L’EXPO, il Mose & The Italian Job
News

L’EXPO, il Mose & The Italian Job

Per capire che quello della mazzetta è un male storico del paese ecco cosa successe negli anni '50 e '60 per l'aeroporto di Fiumicino

La vicenda del Mose è il classico scandalo all’italiana con tutti gli interpreti al posto giusto come nel film The Italian Job. Una grande opera da realizzare, i miliardi inviati a pioggia da gestire, i politici (locali e nazionali, di destra e di sinistra) a gestire il flusso di denaro, e una pletora di senza nome e, soprattutto, prestanome che organizzano società occulte, scatole cinesi, false fatturazioni e passaggi di denaro. A fare da spettatori a questo enorme circo di malaffare ci sono loro, gli italiani che ogni volta sperano che questa sia l’ultima.

Per capire come funziona lo Scandalo all’italiana nelle grandi opere (tralasciando volutamente gli scandali legati alle ricostruzioni post disastri naturali: Vajont, Belice, Irpinia, L’Aquila etc. etc.), torniamo indietro di mezzo secolo, e più precisamente al 1961. 

E’ il Gennaio del 1961 e Giulio Andreotti parla dal banco del governo del Senato: “Io rispetto di più le persone della camorra perché Pupetta Maresca (la donna che uccise l’assassino di suo marito) con le sue revolverate rischia di andare in galera e ci va. Noi abbiamo nella camorra politica di certi ambienti qualche cosa di meno nobile, perché si lanciano sassi e colpi di pugnale senza rischiare niente e non mostrando mai il proprio volto”. A cosa si riferiva il Divo Giulio nel ritenere la politica peggiore della camorra? In Aula si discuteva dello Scandalo dell’Aeroporto di Fiumicino.

Lo scalo romano comincia la sua storia con la posa della prima pietra avvenuta il 10 dicembre 1950. Costo previsto: 29 miliardi di lire; fine dei lavori: 1° gennaio 1960 (giusto in tempo per accogliere atleti e turisti della XVII Olimpiade). Inaugurazioni effettuate: diverse, l’ultima il 13 agosto 1974, in occasione dell’apertura della terza pista costata altri 25 miliardi di lire. Spesa complessiva finale oltre 130 miliardi.

I primi problemi cominciano con la scelta del terreno. In principio era stata preferita la zona di Casal Palocco, nell’area sud-ovest molto vicina a Roma e, particolare non di poco conto, non paludosa. Troppo bello per essere vero e, infatti, così non è. L’area è di proprietà della Società Generale Immobiliare che riesce a evitare l’esproprio, evitando un notevole danno economico.

A questo punto si decide di optare per la palude di Fiumicino, 1088 ettari di proprietà dei principi di Torlonia, i quali vengono generosamente ricompensati con 45 lire al metro quadro. Tanto per capire com’era il mercato nella stessa zona, sempre i Torlonia, vendevano i loro terreni ai privati a 3 lire al metro quadro e l’amministrazione statale espropriava altre aree circostanti e di proprietà di un’opera pia, a 7 lire al metro quadro. Un vero e proprio regalo.

Veniamo ai finanziamenti. Inizialmente furono stanziati 4 miliardi e 450 milioni; Dopo cinque anni, nel 1955, si aggiungono altri 14 miliardi per la costruzione della pista e per tutte le opere accessorie, compresa l’aerostazione. L’8 aprile del 1959 servono ulteriori 4 miliardi e 150 milioni per completare l’opera. Trascorrono pochi mesi e, nel luglio 1959, vengono stanziati altri 4 miliardi. Anche questi soldi non bastano e, intanto, i giochi si avvicinano. Il Ministero della Difesa, guidato da Andreotti, riesce a racimolare altri 800 milioni per consentire almeno un’approssimativa apertura al traffico.

A gestire questa enorme mole di denaro viene incaricato, su suggerimento dello stesso Andreotti, il colonnello Giuseppe Amici. Il cognome è tutto un programma, verranno coinvolti parenti, amici e amici degli amici.

Il 20 agosto, a cinque giorni dalla cerimonia inaugurale dei XVII Olimpiade, i ministri Zaccagnini, Lavori Pubblici, e Andreotti riescono ad aprire una minima parte dello scalo dell’Urbe “Leonardo da Vinci”. La vera inaugurazione è rinviata a novembre dello stesso anno. La stampa dell’epoca comincia a svolgere alcune inchieste per cercare di capire che cosa si cela dietro i continui ritardi dei lavori.

Il 5 maggio del 1961 il governo istituisce una commissione d’inchiesta che accerta le numerose irregolarità della gestione dell’opera e come il colonnello Amici, pur essendo in servizio, possedeva alcune società, delle quali facevano parte la moglie, il figlio e parenti della moglie, e che avevano un ruolo di rilievo nella costruzione dello scalo.

Il 23 dicembre 1961, nella relazione conclusiva, la commissione d’inchiesta accerta ufficialmente l’utilizzo“di iniziative e procedure criticabili non sempre rispettose del pubblico denaro”. Il 14 giugno 1963 la magistratura ordinaria decide per l’archiviazione del caso. Conclusione nessun colpevole. Nelle casseforti di Montecitorio esistono numerosi documenti che accertano le colpe dei politici e che non sono mai state rese pubbliche.

Il presidente del Consiglio Renzi, dopo il caso EXPO e il caso MOSE ha chiesto il Daspo a vita per i politici corrotti. La domanda sorge spontanea: visto come funziona negli stadi, siamo sicuri che possa funzionare in politica? Ai posteri l’ardua sentenza.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti