Eternit, il processo passa alla Corte Costituzionale
Eternit, il processo passa alla Corte Costituzionale
News

Eternit, il processo passa alla Corte Costituzionale

Il giudice dell'udienza preliminare sostiene che Stephan Schmidheiny non può essere processato due volte per lo stesso reato

Finisce alla Corte Costituzionale il processo Eternit bis. Il giudice dell'udienza preliminare, Federica Bompieri, ha sollevato una questione di costituzionalità. Il processo, dunque, verrà interrotto in attesa di una pronuncia della Consulta.

LEGGI ANCHE: Eternit, giustizia negata

LEGGI ANCHE: Eternit, la storia del cemento che uccide

LEGGI ANCHE: Eternit, il processo non andava fatto

Oggi, a Torino, il gup avrebbe dovuto decidere se accogliere la richiesta dell'accusa formata (i pm della procura di Torino Raffaele Guariniello e Gianfranco Colace) di condannare Stephan Schmidheiny per omicidio volontario. Sono 258 i casi di morte contestati a Schmidheiny nell'inchiesta Eternit-bis. Le vittime sono decedute per mesotelioma pleurico dal 1989 ad oggi. Sessantasei sono ex lavoratori degli stabilimenti Eternit di Casale Monferrato e Cavagnolo.

La questione sollevata dal giudice riguarda il "ne bis in idem", principio in base al quale non si può essere processati due volte per lo stesso fatto. L'imputato era stato prosciolto per prescrizione da una precedente accusa di disastro ambientale doloso.

I pm Raffaele Guariniello e Gianfranco Colace sono convinti che l'elvetico, pur conoscendo il problema, fece poco o nulla per modificare le "enormemente nocive condizioni di polverosita'" nelle fabbriche. E portò avanti "una politica aziendale" che provocò una "immane esposizione ad amianto di lavoratori e cittadini". Il tutto per "mero fine di lucro". Con il contorno supplementare di una "sistematica e prolungata campagna di disinformazione". (ANSA)

Pietro Condello Ex operaio ETERNIT mostra l'ex Area dello stabilimento durante la giornata di lutto cittadino indetto dal Comune di Casale Monferrato per la sentenza della Cassazione che ha seppellito con la prescrizione il reato di disastro ambientale doloso con il quale la Procura di Torino aveva mandato sotto processo il magnate elvetico Stephan Schmidheiny, 20 Novembre 2014. ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO
Ti potrebbe piacere anche

I più letti