Redazione

-

Un ospedale di Medici senza frontiere è stato colpito in un bombardamento nello Yemen del nord e sarebbero 11 i morti e 20 i feriti tra medici e pazienti. L'organizzazione umanitaria ha precisato che l'ospedale si trova ad Abs nella provincia nord-orientale di Hajja a 130 km dalla capitale Saada, roccaforte dei ribelli.

- LEGGI ANCHE: La guerra in Yemen (quasi) dimenticata dal mondo

(Nella cartina il luogo dell'esplosione)

I ribelli hanno accusato del bombardamento la coalizione a guida saudita che combatte contro di loro dal marzo del 2015. Ma dal comando della coalizione non ci sono stati commenti alle notizie delle bombe sull'ospedale, salvo annunciare l'apertura di una inchiesta "indipendente" sul raid aereo.

Due giorni fa a finire sotto tiro era stata una scuola nella stessa regione. In quel caso il bilancio era stato di 10 bambini tra gli 8 e 15 anni morti e di 28 feriti.  
Nel conflitto tra il governo yemenita e i suoi alleati e i ribelli sciiti, che nel settembre 2014 hanno conquistato la capitale Sanaa, sono morte 6.400 persone, metà delle quali civili, mentre 2,5 milioni sono gli sfollati (ANSA/AGI)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Yemen tra due guerre: Al Qaeda a sud, gli Houthi a nord

AQAP avanza lungo la costa meridionale avvicinandosi ad Aden. A nord i sauditi intercettano gli Scud dei ribelli sciiti. Tace la diplomazia

Yemen: l'alleanza tra Riad e Al Qaeda contro gli Houthi

Riad e il governo avrebbero stretto un patto con i jihadisti in funzione anti-sciita. Una mossa che rischia di produrre un remake della crisi siriana

Yemen: a che punto è la guerra tra la coalizione saudita e gli Houthi

Annunciato l’inizio di nuovi negoziati il 18 aprile in Svizzera: i ribelli sciiti mantengono il controllo del nord del Paese

Yemen, l’altra guerra (quasi) dimenticata del Medio Oriente - Foto

Dal 10 aprile è entrato in vigore il cessate il fuoco in vista degli imminenti colloqui di pace per fermare il conflitto in corso da oltre un anno

Commenti