Esteri

Usa, perché è in atto una guerra legale sulle armi stampate in 3-D

Bloccato il via libera alla pubblicazione dei codici e degli schemi per stampare pistole a tre dimensioni

Una pistola stampata in 3 D

Basta un pezzo di plastica, qualche codice e lo schema giusto e una stampante di ultima generazione in 3 D può produrre in pochi minuti una pistola funzionante, ma potenzialmente non rintracciabile e invisibile a ogni metal detector.

Cosa sono le Ghost guns

Per questo in Usa le armi stampate con tecnologia 3-D vengono chiamate Ghost guns, ovvero pistole fantasma e per questo il giudice federale di Seattle, Robert Lasnik ha accettato la richiesta dei pubblici ministeri di otto Stati diversi e del Distretto di Columbia di bloccare (momentanemente) la pubblicazione on-line degli schemi e dei codici per produrre a casa propria pistola stampata in 3-D.

L'accordo con Defense Distributed

Dopo mesi di discussioni e stop and go l'amministrazione Trump aveva dovuto firmato un accordo con Defense Distributed, l'azienda che voleva commercializzare i piani per la stampa.

La Defense Distributed, azienda no-profit texana, aveva vinto una causa contro il governo federale rivendicando la libertà di mettere a disposizione i codici.

La diffusione in rete di tutto ciò che serve per farsi la propria pistola sarebbe iniziata il primo agosto, ma il giudice Lasnik ha definito "arbitrario" l'accordo e ha frenato il via libera.

Le conseguenze per la sicurezza pubblica

"C’è una possibilità di danni irreparabili dovuti al modo in cui vengono fatte queste pistole", aveva detto Lasnik. Nonostante questo già dallo scorso 26 luglio sarebbero stati presenti in rete sia schemi sia codici e i download sarebbero stati migliaia.

Nelle scorse settimane venti procuratori di Stato si erano uniti e avevano anche scritto al ministro della Giustizia Jeff Sessions e al segretario di Stato Mike Pompeo per avvertire dei rischi insiti in un accordo definito "Profondamente pericoloso e che potrebbe avere un impatto senza precedenti sulla sicurezza pubblica". 

Ogni anno in Usa 30.000 persone muoiono in seguito a ferite da arma da fuoco e il dibattito sull'uso delle armi è quanto mai attuale.

Uno degli schemi che Defense Distributed aveva pubblicato on-line la scorsa settimana era quello del fucile semiautomatico AR-15, lo stesso utilizzato nella strage alla Marjory Stoneman Douglas High School in Florida lo scorso febbraio. 

La prossima udienza è fissata per il 10 agosto mentre lo stesso Trump si dice perplesso circa l'utilità delle ghost guns e tramite un tweet ha fatto sapere "Non mi sembra che abbiano molto senso".

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata

Commenti