Esteri

Obama chiede la fine delle terapie di conversione per gay, lesbiche e transgender

L'esternazione del Presidente dopo il suicidio del diciassettenne Leelah Alcorn. Per il momento, tuttavia, non si parla di una legge federale

US-VOTE-MIDTERM-OBAMA

Redazione

-

Presa di posizione di Barack Obama sulle terapie e sui metodi di conversione per la modifica dell'orientamento sessuale di gay, lesbiche e transgender.

Il presidente ha detto stop dopo il suicidio del diciassettenne Leelah Alcorn, che a dicembre scorso fermò in questo modo la propria famiglia, che lo aveva perfino confinato nel tentativo di forzarlo a cambiare le proprie scelte sessuali.

Rivolgendosi agli autori di una petizione che chiede il bando di queste terapie psichiatriche di "riparazione" o "conversione", Obama ha voluto condividere con loro "la preoccupazione per gli effetti potenzialmente devastanti che (queste) possono avere sulla vita dei transgender e su quella di gay, lesbiche, bisessuali".

La Casa Bianca, ha spiegato The New York Times, non sembra però avere intenzione di mettere a punto una legge federale che bandisca questi metodi ma si muoverà a livello sia di Stati sia del Parlamento, in modo trasversale e bipartisan.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nozze gay, adesso serve una legge

La sentenza del Tar del Lazio, che non consente al Prefetto di annullare la trascrizione, impone ora un rapido intervento del Parlamento

Unioni civili tra gay: per l'Europa sono un diritto umano

Il voto favorevole dell'Unione Europa invita i singoli Governi a riflettere e indirizzarsi verso il sì ai matrimoni tra persone dello stesso sesso

Commenti