Matteo Politanò

-

Il presidente ​americano Donald Trump e la first lady Melania hanno fatto visita alle zone del Texas colpite dall'uragano Harvey, il peggiore dall'uragano Katrina del 2005 che devastò New Orleans. Dopo le incessanti piogge il numero delle vittime è salito a 18 (ed è destinato ad aumentare), oltre 30 mila gli sfollati mentre resta ancora imprecisato il numero dei dispersi (migliaia).

Trump e la moglie sono atterrati a Corpus Christi, la città dove l'uragano ha toccato terra prima di essere declassato a tempesta tropicale. La coppia si è poi spostata ad Austin per incontrare il centro di coordinamento delle operazioni d'emergenza e recupero. "Sono onorato di essere qui, il Texas è un posto speciale. Questo è un disastro di proporzioni epiche ma abbiamo lavorato come una squadra" ha detto il tycoon congratulandosi con il governatore Greg Abbott per come ha gestito l'emergenza finora.

Il presidente non ha potuto recarsi invece a Houston, città isolata dopo gli allagamenti provocati dalla rottura degli argini a Sud dove ha promesso di andare nei prossimi giorni facendo anche una visita in Louisiana. Le autorità valutano che le persone bisognose d'aiuto potrebbero essere oltre 450 mila.

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Joe Arpaio, lo sceriffo razzista graziato da Trump

Storia del fedelissimo del presidente accusato di violazione di diritti civili, abuso di potere e discriminazione razziale contro la comunità ispanica

Trump torna ad attaccare i media: "Disonesti su Charlottesville"

New York Times, Washington Post, Cnn: ancora una volta nel mirino del presidente Usa che li accusa di produrre soltanto fake news

Nuove truppe Usa in Afghanistan: così Trump cede ai militari

Altri 4000 uomini che si aggiungono agli 8.800 già presenti e ai 6.500 degli alleati: pochi per domare il paese. Vittoria politica per il Pentagono

Donald Trump licenzia Bannon: i motivi del colpo di scena

In un'intervista a The American Prospect, il direttore dell'intelligence ha smentito il Presidente sulla Corea del Nord. Troppo, anche per lui

Donald Trump, la protesta social contro il Presidente passa anche per #45

L'idea è del vice sindaco di Charlottesville Wes Bellamy che si rifiuta di definire Trump "Presidente". Ecco perchè

Commenti