Esteri

Ucraina: morto un operatore della Croce Rossa

L'uomo sarebbe di nazionalità svizzera, vittima nel bombardamento della città di Donesk

Un operatore della Croce Rossa è morto in Ucraina, a Donetsk. Lo ha annunciato il vice ministro degli Esteri russo Aleksiei Meshkov durante una cerimonia all'ambasciata italiana a Mosca. L'identità della vittima non è ancora stata rivelata, probabilmente è di nazionalità svizzera.

Oggi un nuovo bombardamento ha colpito il centro della città, roccaforte dei miliziani separatisti nell'Ucraina sud-orientale. Lo riportano le agenzie Interfax e Ria Novosti precisando che violente esplosioni sono state sentite nella zona di piazza Lenin e via Artiom. 

Secondo il Comune di Donetsk, anche un centro commerciale è stato colpito dai proiettili di artiglieria nel primo bombardamento sul centro della città dall'inizio della fragile tregua siglata il 5 settembre a Minsk tra il governo di Kiev e i miliziani separatisti. Il ministero dell'Interno dell'autoproclamata Repubblica di Donetsk accusa le truppe di Kiev del bombardamento e sostiene che è stato colpito un palazzo di nove piani in via dell'università. 

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Donesk: sangue sul primo giorno di scuola

Due colpi di mortaio ucraini nella città filorussa hanno colpito un istituto e un taxi-bus: illesi i bambini, i morti sono undici

L'Ucraina firma la tregua con i ribelli, ma durerà?

Il cessate il fuoco avrà inizio alle 17. Per ora la guerra è scongiurata, ma restano ancora dubbi su quanto reggerà la pace

Commenti